Roger Waters affronta il contraccolpo dopo aver definito Biden un “criminale di guerra” per l’Ucraina e aver detto che Taiwan fa parte della Cina
Musicista inglese, co-fondatore dei Pink Floyd
Roger Waters dei Pink Floyd ha ricevuto un duro contraccolpo sui social media dopo aver fatto commenti sulla Russia e su Taiwan.
In un’intervista con Michael Smerconish della CNN, Waters ha risposto alle domande sul suo spettacolo dal vivo This Is Not a Drill, che vede un’immagine di Joe Biden apparire tra le foto di “criminali di guerra”.
Waters ha affermato che ciò è dovuto al fatto che Biden sta “alimentando il fuoco in Ucraina”.
Definendolo un “enorme crimine”, ha detto: “Perché gli Stati Uniti d’America non incoraggiano [Volodymyr] Zelensky, il presidente [dell’Ucraina], a negoziare, evitando la necessità di questa orribile, orrenda guerra?”.
Ha poi aggiunto che il conflitto tra Russia e Ucraina ha a che fare con “l’azione e la reazione della Nato che si spinge fino al confine russo”.
“Provate a immaginare cosa farebbero gli Stati Uniti se i cinesi mettessero missili con armamento nucleare in Messico o in Canada”, ha aggiunto.
Ha anche risposto ai commenti di Smerconish, secondo cui la Cina starebbe “accerchiando Taiwan”, dicendo: “Loro [le forze cinesi] non stanno accerchiando Taiwan! Taiwan fa parte della Cina.
“E questo è stato assolutamente accettato da tutta la comunità internazionale fin dal 1948 e se non lo sapete, non state leggendo abbastanza. Andate a leggere”, ha continuato.
I commenti hanno provocato alcune critiche online a Waters.
Facendo riferimento a due album dei Pink Floyd, Alex Bristow, vicedirettore dell’Australian Strategic Policy Institute’s Defence, Strategy and National Security Program, ha dichiarato: “Di che Division Bell si sta occupando Roger Waters?
È chiaro che ha vissuto in The Dark Side of the Moon”. Taiwan non è mai stata governata dalla Cina comunista”.
Oliver Jia, ricercatore di Kyoto sulle relazioni tra Giappone e Corea del Nord, ha dichiarato: “Roger Waters dovrebbe dedicarsi alla chitarra invece di intervenire su argomenti geopolitici di cui chiaramente non sa nulla”.
Alcuni, tuttavia, hanno appoggiato i commenti di Walters. Il musicista Johnny Akzam ha condiviso il video, dicendo che Waters “tenta di educare” Smerconish sull’argomento.
L’amministratore delegato della piattaforma di notizie @Shadowproofcom ha twittato una nuova versione del video che, a suo dire, contiene un maggiore contesto ai commenti che erano stati tagliati dai produttori.
“Roger Waters è stato attaccato per aver difeso la Russia”, ha dichiarato nei commenti al suo tweet.
“Tuttavia, ciò che è molto più chiaro nell’intervista integrale è che stava commentando gli eventi che hanno portato all’invasione della Russia e come non sia stato fatto abbastanza per tirare il mondo indietro dall’orlo del baratro ed evitare la guerra”.
L’Independent ha contattato un rappresentante del team di Waters per un commento.

https://news.yahoo.com/pink-floyd-roger-waters-faces-152240604.html

Previous articleThe Psychology of Totalitarianism
Next articleE proprio così… E’ finita! Il CDC cede completamente alla realtà
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.