Esiste qualcosa che possa accomunare la mente brillante del grande scienziato Ludwig Boltzmann con la mente di una pentastellata qualunque come Lucia Azzolina? No, OVVIAMENTE no! Allora come possono finire assieme nello stesso discorso? Be’ tutto nasce dall’entropia, concetto di cui mi sono occupato più volte in passato per cui non ci tornerò su, ricordo solo che l’universo  tende alla massima entropia, cioè al totale disordine (disordine, brutta parola che finisce per confondere ma che è entrata nell’uso comune quando si parla di entropia); ora, se prendete una scatola in cui siano contenute le lettere necessarie per comporre una poesia tipo, che so, La Vispa Teresa per esempio, e poi rovesciate le lettere per terra quante probabilità ci sono che si dispongano nell’ordine giusto per poter leggere la poesia? Be’, nonostante sia possibile converrete con me che l’eventualità che ciò accada sia veramente rara, questo perché la disposizione delle lettere che ci consente di leggere la poesia è una sola mentre le tutte altre disposizioni sono infinite.  Boltzmann fece lo stesso ragionamento con gli atomi, quindi esiste una possibilità che gli atomi sparsi per tutto il creato possano mettersi insieme e farvi apparire tra le mani una bella fetta di crostata al mirtillo ma, come per le lettere della poesia, è molto difficile che accada anche se non impossibile; se accade vi troverete in presenza di un Cervello di Boltzmann.

Ora la Azzolina ha fatto sua questa congettura del grande fisico viennese e da quando è ministra, ma soprattutto da quando è scoppiato l’affaire covid, aspetta che tra le mani le si materializzi un Cervello di  Boltzmann sotto forma di vademecum con tutte le soluzioni che servono per far ripartire la scuola assecondando le follie del Cts! Cara Lucia, è vero, abbiamo detto che non è impossibile che questo possa accadere, ma è molto, molto, molto improbabile! Lascia perdere, rischi di aspettare millenni e millenni per nulla, meglio se esci di scena raccogliendo quel minimo di dignità che ti è rimasta, se te ne è rimasta! Dimettiti, magari in aperto contrasto col grillame che ti ha messo a fil di chiappa quella cadrega così ostica per te, otterrai così due ottimi risultati: il primo è che ti togli dagli zebedei degli italiani che all’istruzione hanno bisogno di gente seria e competente, il secondo è che recuperi un po’ di faccia! Pensaci Lucia, fallo per te e per noi, ma soprattutto fallo per noi!