L’Unione Europea sta organizzando un convegno dal titolo: “Oltre la disinformazione: la risposta dell’UE alla minaccia della manipolazione delle informazioni straniere”. Si tratta infatti di pensare a come tutte le posizioni russe possano essere censurate nell’Unione.

L’UE ha già censurato il canale televisivo Russia Today e l’ agenzia Sputnik . I pensieri si stanno ora spostando verso la censura dei cittadini dell’UE che trasmettono le loro opinioni, che le condividano o meno.

L’evento sarà presieduto da Josep Borrell, Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, assistito da Stefano Sannino, Segretario Generale del Servizio Europeo per l’Azione Esterna.

Interverrà l’eurodeputato francese Raphaël Glucksmann, presidente della commissione speciale del Parlamento europeo sulle interferenze straniere, oltre a rappresentanti dell’Agenzia svedese per la difesa psicologica, dei dipartimenti di Stato britannico e statunitense e, naturalmente, della NATO.

Il momento clou dello spettacolo va a Nina Jankowicz (foto), che, dopo essere stata consulente per la comunicazione del presidente Volodymyr Zelensky, è stata assunta dal presidente Joe Biden per presiedere il Disinformation Governance Board, l’effimera agenzia di censura degli Stati Uniti.

Tutti gli oratori, ad eccezione dell’onorevole Glucksmann, sono alti funzionari, non parlamentari eletti.

https://www.voltairenet.org/article218779.html

Previous articleFinite la guerra, idioti!
Next articleDeclino dell’Impero: parallelismi tra gli Stati Uniti e Roma, parte V – By Doug Casey
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Ezechiele 25:17 - "Il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare e infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te."Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)