Leonid Savin – L’UE affermerà il suo ruolo nella geopolitica mondiale solo quando si libererà dell’influenza statunitense.
Nell’aprile del 2021 l’UE ha adottato la strategia per la regione indopacifica. Le conclusioni della commissione ad hoc che ha redatto la strategia afferma che l’UE riconosce la crescente importanza della regione e si impegna a rafforzare il suo ruolo nella cooperazione con i partner regionali.

La regione Indo-Pacifica (un concetto introdotto dagli americani relativamente di recente e che sostituisce la nozione di regione Asia-Pacifico) rappresenta uno dei centri economici e strategici del mondo. Produce il 60% del PIL mondiale.

L’UE giustifica il suo interesse in questa parte del mondo sostenendo che la cooperazione nell’Indo-Pacifico è cruciale per l’agenda globale della comunità internazionale, compreso il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite; qui Bruxelles ricorda gli aiuti umanitari, affrontando il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e l’inquinamento, nonché la promozione del rispetto del diritto internazionale, compresi i diritti umani e la libertà di navigazione.

Tuttavia, il fulcro della nuova strategia dell’UE è il Mar Cinese Meridionale. Secondo un comunicato stampa del Servizio estero dell’Unione europea, “i ministri degli esteri dell’UE hanno deciso di rafforzare l’attenzione strategica, la presenza e l’azione dell’UE nell’Indo-Pacifico … per promuovere la stabilità, la sicurezza, la prosperità e lo sviluppo sostenibile nella regione attraverso la promozione della democrazia, lo stato di diritto, i diritti umani e il diritto internazionale. Figure retoriche familiari!

Due cose attirano l’attenzione. In primo luogo, l’Unione europea sta copiando gli approcci degli Stati Uniti. Il Pentagono ha pianificato investimenti nella regione indopacifica per un totale di 66 miliardi di dollari per il 2022. Il 9 giugno, il capo del Pentagono ha detto che la loro agenzia ha completato una revisione della strategia sulla Cina. “Le iniziative che presento oggi sono inserite nel più ampio approccio del governo degli Stati Uniti verso la Cina”, ha detto Lloyd Austin. – Gli sforzi che dirigo oggi miglioreranno la capacità del Dipartimento di attivare la nostra rete di alleati e partner, rafforzare la deterrenza e accelerare lo sviluppo di nuovi concetti operativi, nuove capacità e la futura struttura delle forze…” Il Segretario della Difesa degli Stati Uniti supervisionerà direttamente la politica del Pentagono, le operazioni e l’intelligence relative alla Cina.

Questo riallineamento è legato alla crescente influenza della Cina. Parte della nuova strategia è intensificare il dialogo quadrilaterale sulla sicurezza tra Stati Uniti, India, Giappone e Australia.

L’UE sottoscrive la linea degli Stati Uniti su tutte queste questioni. E questa è la seconda cosa a cui prestare attenzione. A partire dal rapporto dell’UE del marzo 2019, “Uno sguardo strategico sulle relazioni UE-Cina”, che ha fatto riferimento alla “promozione sistematica e ostile di modelli di governance alternativi” della Cina, Bruxelles percepisce i modelli anti-Cina sviluppati a Washington. Il vertice del G7 in Gran Bretagna l’11 giugno ha anche discusso il coordinamento contro la Cina.

I sostenitori dell’impegno dell’UE con gli Stati Uniti rispetto all’impegno con la Cina sostengono che l’Europa non dovrebbe rimanere senza denti. La stessa posizione è tenuta dall’India. Shreya Sinha della Jawaharlal Nehru University dice: “Pechino continua a minacciare la sicurezza della regione rivendicando una sovranità innegabile su parti dello spazio nel Mar Cinese Meridionale. La relazione storica tra Europa e Cina rivela numerosi casi in cui l’UE e la Cina si sono trovate a litigare. Inoltre, negli ultimi anni, l’UE ha temuto … un attacco cinese all’indipendenza di Hong Kong, così come il perseguimento da parte della Cina di una linea aggressiva in tutta la sua politica estera… L’emergere della strategia indo-pacifica dell’UE le dà l’accesso alla regione che definisce l’attuale ordine globale. È imperativo che l’UE non diventi qui una tigre senza denti…”.

Tali dichiarazioni suonano più come un incitamento che un desiderio che l’UE sia sovrana nel prendere decisioni cruciali. L’UE può diventare il volto attivo della geopolitica mondiale solo quando si libera dall’influenza degli Stati Uniti. È in gioco una strategia per il Pacifico, l’Oceano Indiano o l’Artico.

Nel frattempo, Lyle Goldstein dell’U.S. Naval War College sottolinea un gran numero di contraddizioni nella strategia indo-pacifica degli Stati Uniti, che assomiglia alla “memoria mondiale unipolare” del 1992. Egli scrive: “Un cambiamento fondamentale nell’equilibrio di potere regionale dovrebbe portare a una nuova strategia statunitense basata sul realismo e sulla moderazione. L’amministrazione Biden non dovrebbe perdere di vista i difetti fondamentali della strategia precedente. La nuova squadra sarebbe saggia ad abbandonare la vecchia strategia e a ricominciare da capo”.

Articolo scelto da Alessia C. F. (ALKA) – https://www.geopolitica.ru/article/es-gotov-prisluzhivat-amerike-v-protivodeystvii-kitayu

Previous articleErdogan sta rimodellando il mondo per volere di Washington?
Next articleLibero arbitrio e pensiero debole
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.