Cinquanta migranti sbarcati dalla nave Diciotti, accolti dalla CEI e ospitati nel centro accoglienza di Rocca di Papa, si sono allontanati dalla struttura facendo perdere le loro tracce.

Più di 50 degli immigrati sbarcati dalla Diciotti erano così ‘bisognosi’ di avere protezione, vitto e alloggio, che hanno deciso di allontanarsi e sparire! Ma come, non li avevo sequestrati? È l’ennesima conferma che non tutti quelli che arrivano in Italia sono ‘scheletrini che scappano dalla guerra e dalla fame’. Lavorerò ancora di più per cambiare leggi sbagliate e azzerare gli arrivi.

Matteo Salvini

 

I centri di accoglienza non sono centri di detenzione e dunque le persone ospitate possono allontanarsene liberamente: la loro non è una fuga

Camillo Ripamonti, gesuita

 

Abbiamo chiesto a tutti gli Stati membri inclusa l’Italia di fornire adeguate capacità di accoglienza, inclusa la detenzione. La detenzione può essere usata per l’identificazione dei migranti e evitare fughe. I migranti non hanno il diritto di “scegliere” lo Stato membro in cui chiedere protezione internazionale.

Tove Ernst, portavoce della Commissione Ue per la Migrazione

 

La responsabilità di quanto successo con i cinquanta migranti scomparsi è del governo e in particolar modo del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Toccava a lui vigilare, ha dichiarato Andrea Romano, parlamentare PD a L’aria che tira.

I cento migranti di cui si è fatto carico il Vaticano, non potevano essere ospitati al sicuro dentro le mura dello Stato Vaticano? Alessandra Mussolini, a L’aria che tira.

In pratica, poche idee ma ben confuse. E qualcuno si chiede pure perchè la sinistra, o quello che si spaccia per tale, scompare e l’Europa venga sempre più disprezzata. E per carità divina, mi taccio sulla Chiesa.