Il mercato del mais brasiliano non sembra avere un attimo di tregua, dato che un’altra ondata di freddo ha spazzato l’area centro-meridionale del paese, sottoponendo le colture ad altre gelate inaspettate e suscitando seri dubbi sui volumi di esportazione. https://www.naturalnews.com/2021-08-01-crop-failures-brazil-corn-crops-frost.html Lunedì scorso, le coltivazioni di mais negli stati del Mato Grosso do Sul e del Paranà sono state colpite dal gelo in un’ondata di freddo. La coltura di mais nota come safrinha è stata colpita da un clima secco e caldo durante le sue fasi chiave di sviluppo a causa della siccità, e ora sta soffrendo una seconda ondata di gelo dopo essere stata colpita da temperature gelide anche alla fine di giugno.

Il presidente di Soybean and Corn Advisor Inc, Dr. Michael Cordonnier, ha detto che il Brasile non era così freddo da decenni. “E’ stata l’aria più fredda degli ultimi 20 anni, ed è stata piuttosto brutta. A seconda del luogo in cui ci si trova, o ha fatto male al mais o l’ha ucciso completamente”, ha detto. Il secondo raccolto di mais era già stato piantato più tardi che mai grazie ad una siccità storica, e le due gelate hanno segnato il suo destino. Ha detto che sarebbe come avere tre notti di gelo a metà luglio negli Stati Uniti seguite da altre tre notti di gelo all’inizio di agosto. Ha detto che è stato “devastante” per il raccolto, e non sanno ancora quanto sarà grave la situazione alla fine, perché i campi peggiori devono ancora essere raccolti. Ha illustrato l’entità del danno con delle cifre, spiegando che il Brasile avrebbe dovuto esportare tra i 30 e i 35 milioni di tonnellate di mais negli Stati Uniti. Ora, però, saranno fortunati a raggiungere i 20 milioni di tonnellate; ma si pensa che potrebbe essere anche meno. Gli esportatori dovranno pagare una penale per rompere i loro contratti in modo da poter vendere il loro mais sul mercato interno, dove possono aspettarsi un profitto migliore.

Anche le coltivazioni di caffè sono state colpite dal gelo in Brasile. L’ondata di freddo ha danneggiato anche le coltivazioni di caffè in Brasile, con le temperature sotto lo zero viste la mattina del 20 luglio nelle più grandi regioni di coltivazione del caffè del paese, lasciando i coltivatori in difficoltà. Il gelo sta mettendo in pericolo anche i raccolti del prossimo anno, dato che gli alberi di caffè hanno un ciclo biennale e molti degli alberi colpiti dal gelo dovrebbero continuare a produrre anche la prossima stagione. Gli alberi di caffè sono molto sensibili al gelo. Anche lievi quantità di gelo sono sufficienti ad uccidere le loro foglie; il gelo grave può uccidere le piante completamente. Alcuni agricoltori devono ora togliere decine di migliaia di alberi. Come risultato del gelo i prezzi del caffè sono aumentati del 13%. Alcuni esperti di materie prime ritengono che il raccolto del prossimo anno potrebbe diminuire di più di 2 milioni di sacchi.

Secondo un ulteriore rapporto https://watchers.news/2021/07/21/historic-crop-loss-frost-brazil-2021/ il gelo ha danneggiato altre colture tra cui canna da zucchero e arance. “La situazione è così drammatica che non ci sarà più mais sul mercato a settembre e il paese dovrà importare molto di più dall’Argentina”, ha detto Victor Martins di Hedgepoint Global Markets.

Altre ampie zone degli Stati Uniti sono colpite da siccità, e i raccolti e il bestiame dell’America stanno soffrendo https://www.naturalnews.com/2021-08-04-mass-starvation-biblical-droughts-destroy-us-crops-cattle.html . Quasi tutta la costa occidentale e forse un terzo del Midwest stanno vedendo condizioni di siccità gravi o peggiori. Questo sta colpendo le coltivazioni di grano, orzo ed erba medica, così come le mandrie di bestiame che non stanno ricevendo l’acqua di cui hanno bisogno per vivere.
L’immagine seguente mostra l’U.S. Drought Monitor fino al 27 luglio 2021. Come vedrete, Washington orientale e l’Oregon, e quasi tutta l’Idaho sono in una siccità estrema o eccezionale. Lo stesso vale per California, Nevada, Utah, Arizona, New Mexico, Colorado occidentale, Dakotas e Minnesota.

Fortunatamente per la regione dei Four Corners di Utah, Arizona, Nuovo Messico e Colorado, un grande monsone sudoccidentale ha colpito di recente, fornendo un po’ d’acqua di cui c’era bisogno alle aree interessate, così come nel Grande Bacino meridionale. Nella California settentrionale e il nord-ovest del Pacifico, tuttavia, non stanno andando così bene. Queste aree, insieme al Canada a nord, stanno vedendo prolifici incendi selvaggi spazzare la regione, divorando tutto ciò che di vegetativo possono trovare, compresi i raccolti.
Il nord-ovest del Pacifico è stato ostacolato da una terribile combinazione di alte temperature, umidità eccezionalmente bassa, venti irregolari e molto combustibile secco. Ad est, nelle pianure centrali e meridionali, il tempo è stato similmente caldo, lasciando appassire le praterie, i pascoli e le colture meridionali che crescono su di essi.
In queste zone, le riserve di umidità del suolo ha contribuito, ma più la siccità continua più queste riserve si esauriranno.
“Nel frattempo, il tempo prevalentemente secco ha coperto il Midwest, continuando una tendenza che si era sviluppata a metà luglio”, riporta Strange Sounds.
“L’aridità a breve termine non era ancora una preoccupazione nel Midwest inferiore, precedentemente ben irrigato. Tuttavia, il mais riproduttivo e la soia nelle aree più secche del Midwest superiore sono stati sottoposti a crescenti livelli di stress, soprattutto quando le temperature hanno iniziato a salire”.
Una delle colture più colpite dalla siccità in America in questo momento è il girasole. Un enorme 86% della produzione di girasole è ora in una zona di siccità, come mostrano gli ultimi dati, il che potrebbe essere problematico per la produzione di olio di girasole, lecitina di girasole, e altri additivi alimentari a base di girasole.

Come si può notare nell’immagine qui sopra, la maggior parte della produzione di girasole avviene nel Nord e Sud Dakota, le masse di terra di entrambi gli stati sono quasi completamente colpite dalla siccità.

Il grano primaverile e il grano duro sono ancora più colpiti dalle condizioni di siccità, che coprono almeno il 99% della loro area di coltivazione

L’orzo non sta facendo molto meglio con l’84% della sua area di produzione ora all’interno di una zona colpita dalla siccità

L’erba medica è più ampiamente coltivata in tutti gli Stati Uniti. Tuttavia, le sue aree di coltivazione più dense cadono ugualmente in aree colpite dalla siccità, interessando circa l’86% del raccolto totale della nazione.

Circa il 36% del mais della nazione, il 31% della soia, il 30% del grano invernale e il 36% del fieno si trova ora in una zona di siccità, il che significa che circa un terzo di queste colture potrebbe finire per essere spazzato via se le piogge non arrivano.
Le colture meno colpite dalla siccità sono il cotone al quattro per cento, il sorgo al quattro per cento e il riso al 20 per cento. Nessuna delle produzioni di arachidi della nazione è attualmente colpita dalla siccità.
Anche le lattughe, le mandorle, gli agrumi e altre colture dal clima caldo e secco stanno soffrendo perché la California non riesce a gestire adeguatamente le sue risorse idriche nelle attuali condizioni di siccità.

Metà dei maiali, delle mucche da latte e delle pecore della nazione vivono ora in zone colpite dalla siccità. Anche gli animali allevati per il cibo, il latte e la lana sono ampiamente colpiti dalle condizioni di siccità, con il 53% delle pecore che ora vivono in un’area del paese colpita dalla siccità.

Quasi la metà di tutti i maiali vive in un’area colpita dalla siccità, insieme al 48% delle mucche da latte e al 32% del bestiame in generale. La produzione di latte potrebbe subire un colpo dalla situazione, così come le forniture di carne bovina e suina.