<<Il capo della Commissione militare della NATO, l’ammiraglio Rob Bauer, ha dato una direttiva agghiacciante per l’umanità dopo una riunione dei ministri della difesa dei paesi dell’alleanza a Bruxelles. “Il mondo occidentale deve essere preparato per una guerra totale con la Russia” ha sottolineato Rob Bauer. La NATO ora ritiene che la guerra al 100% con la Russia sia in arrivo dopo l’apparente collasso dell’esercito ucraino.
Vi ricordiamo che in precedenza ci sono stati avvertimenti da parte del Ministero della Difesa tedesco e del governo tedesco, mentre recentemente la leadership militare e politica della Svezia ha invitato il popolo a prepararsi alla guerra con la Russia.
Quando anche i media internazionali più moderati, come il quotidiano britannico Telegraph, il tedesco Der Taggespiegel e Politico, avvertono direttamente di una guerra totale tra Russia e NATO, allora la parola “shock” è subordinata a ciò che potrebbe attendere l’Europa, che, sebbene ha trascorso gli ultimi decenni in pace e vede il suo futuro… ancora una volta destinato a essere cupo.
Prima c’era il rapporto Bild, che parlava di guerra nell’estate del 2025, per poi far sì che il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius sia tornato oggi, venerdì 19/1, per affermare – citando esperti – che una guerra con la Russia potrebbe scoppiare nei prossimi 5 a 8 anni, affermando che la Germania dovrebbe prepararsi a un simile scenario.

“L’Occidente dovrebbe prepararsi alla guerra con la Russia”
“Il mondo occidentale deve essere preparato per una guerra totale con la Russia entro i prossimi 20 anni” ha sottolineato Rob Bauer.
Preparare i cittadini
Bauer ha invitato i cittadini dell’Occidente a prepararsi alla guerra totale. “Sebbene le forze armate siano preparate allo scoppio di una simile guerra, anche i cittadini devono essere preparati ad un conflitto che richiederebbe un cambiamento radicale nelle loro vite.
Un gran numero di civili dovrà essere mobilitato in caso di guerra e i governi dovranno mettere in atto sistemi per gestire il processo,’ Bauer ha sostenuto dopo l’incontro con i capi della difesa della NATO a Bruxelles, come riportato dal quotidiano britannico The Telegraph.
La pace non è scontata
“Dobbiamo renderci conto che la pace non è scontata. Ed è per questo che noi, le forze NATO, ci stiamo preparando per un conflitto con la Russia. Ma il discorso è molto più ampio. La base industriale deve anche, ma anche le persone devono capire che svolgono un ruolo,” ha sostenuto Bauer, che dirige la Commissione militare della NATO.

Complimenti alla Svezia
Bauer ha infatti elogiato la Svezia, che ha chiesto a tutti i suoi cittadini di prepararsi alla guerra prima che il paese aderisse ufficialmente alla NATO. La mossa di Stoccolma, annunciata all’inizio di questo mese, avrebbe portato ad un aumento dei volontari per l’organizzazione di protezione civile del paese e ad un aumento delle vendite di torce e radio alimentate a batteria.
“Ecco dove comincia. La consapevolezza che non tutto è previsto e non tutto sarà così nei prossimi 20 anni”, ha sottolineato Bauer.
Prove… l’esercizio Steadfast Defender 2024
La prossima settimana dovrebbe iniziare la più grande esercitazione militare della NATO dalla fine della Guerra Fredda, con la partecipazione di oltre 90.000 soldati della NATO. Si tratta dell’esercitazione Steadfast Defender 2024, che è più che raddoppiata in termini di dimensioni da quando è stata annunciata lo scorso anno ed è espressamente progettata per preparare l’alleanza a un’invasione russa.
La Gran Bretagna ha impegnato circa 20.000 soldati, oltre a carri armati, artiglieria e aerei da combattimento per le esercitazioni che si svolgeranno in tutta Europa fino a maggio.
La produzione debole di armi è problematica
Ciononostante, gli alti funzionari della NATO sono sempre più preoccupati che i governi e i produttori privati ​​di armi restino indietro nei… preparativi di guerra. Le scorte di armi e munizioni occidentali sono state esaurite dal conflitto in Ucraina e ci vorranno anni per ricostituirsi all’attuale ritmo di produzione.
Nel frattempo, la Russia ha triplicato le spese militari portandole al 40% del bilancio nazionale totale, accelerando drasticamente le proprie linee di produzione.
“Dobbiamo essere più pronti su tutto lo spettro. Dobbiamo avere un sistema in atto per trovare più persone in caso di guerra, che accada o meno. Poi si parla di coscrizione, riserva o leva obbligatoria. Dobbiamo essere in grado di tornare a una base industriale in grado di produrre armi e munizioni abbastanza velocemente da poter continuare un conflitto se ci troviamo dentro,” ha detto Bauer.
Ministro della Difesa tedesco: Guerra con la Russia nei prossimi 5-8 anni
Il capo del dipartimento della Difesa tedesco, Boris Pistorius, ha affermato che la Russia potrebbe attaccare un paese dell’Alleanza del Nord Atlantico entro i prossimi 5-8 anni. In un’intervista al quotidiano Der Tagesspiegel il ministro degli Esteri tedesco ha parlato della necessità di prepararsi ad uno scontro diretto tra la Federazione Russa e la NATO. Da parte sua, il ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, che per primo ha ammesso l’incapacità dell’UE di fornire all’Ucraina 1 milione di proiettili, ha affermato – citando esperti – che una guerra con la Russia potrebbe scoppiare nei prossimi 5-8 anni, affermando che la Germania dovrebbe prepararsi per un simile scenario.
Parlando alla rivista tedesca Der Tagesspiegel ha avvertito che un Putin sempre più bellicoso potrebbe attaccare la NATO in meno di un decennio. “Sentiamo minacce dal Cremlino quasi ogni giorno… quindi dobbiamo considerare che V. Putin potrebbe anche attaccare un paese della NATO un giorno” dice Pistorius , che mentre sottolineando che un attacco russo non è probabile “per ora”, “i nostri esperti prevedono un periodo compreso tra cinque e otto anni durante il quale ciò potrebbe essere possibile”.
Nell’elenco delle misure necessarie ha incluso il ripristino del servizio militare obbligatorio, un aumento delle spese per l’esercito e un aumento della produzione di armi e munizioni. Inoltre, Pistorius annunciò il desiderio che la Germania acquisisse un proprio scudo nucleare.
Considerando la crescente minaccia da parte di Mosca, il ministro della Difesa tedesco ha sottolineato che non sarà possibile fornire all’Ucraina tutte le armi disponibili. Le continue forniture militari a Kiev indeboliranno le forze armate tedesche e la produzione di nuove armi richiederà tempo. “Se vince il capo del Cremlino, Vladimir Putin, anche la Germania sarà a rischio e non potremo comprare carri armati in un negozio. Devono essere prodotti e questo richiede tempo,” ha detto Pistorius.
“Dobbiamo imparare di nuovo a convivere con il rischio e prepararci – militarmente, socialmente e in termini di difesa militare” sottolinea Pistorius, giudicando comprensibile la mobilitazione in Svezia.
“Non possiamo puntare al tutto, come alcuni chiedono. Altrimenti saremo noi stessi indifesi” ha sottolineato Pistorius.
Polonia: sii pronto per qualsiasi scenario
Politico riferisce infatti che preoccupazioni simili esistono anche in Polonia.
“La Russia sfida la logica. Quello che è successo nel 2022 sembrava impossibile. Dobbiamo essere pronti per qualsiasi scenario”, ha affermato il ministro della Difesa Władysław Kosiniak-Kamysz nelle sue dichiarazioni, come sottolinea Politico. Guarda il video https://www.dailymail.co.uk/embed/video/3104209.html>> DA https://warnews247.gr/anatrichiastiki-odigia-tou-nato-stous-ypourgous-amynas-tis-symmachias-oloi-oi-dytikoi-laoi-tha-etoimastoun-gia-genikevmeno-polemo-me-ti-rosia-einai-anapofefktos/

CONSIDERAZIONI VARIE

OK, la logica del nuovo mondo multipolare porta tutti al riarmo, ritorna la logica della vecchia guerra fredda, tutto molto logico e siamo in un periodo di grande cambiamento di RI-assetto geopolitico.
Però 2 conti non tornano.
Ci sono 2 Polis del nuovo mondo multipolare che si occupano di economia a finanza, mentre in Occidente non ci occupiamo nemmeno per errore di salvare industria e aziende varie, anzi non abbiamo nemmeno l’energia per sostenere il nostro futuro industriale ed economico. Green, Green New Deal, ma le aziende e le attività chiudono i battenti o se ne vanno altrove a produrre.
Con che finanzi armi e scenari di guerra? Servono tasse e investimenti colossali, ma non abbiamo il fiato per farlo, ci siamo dissanguati per la misera guerra in Ucraina.
Siamo Ridicoli! Ma ce ne rendiamo conto?
Produciamo armi e tecnologia con energia che deriva da pannelli fotovoltaici installati in campi coltivabili?
Sì, già lo stiamo facendo https://www.orazero.org/fotovoltaico-pazzo-come-usare-il-metodo-del-bastone-e-della-carota-con-gli-agricoltori/
Con una vecchia popolazione che muore di fame e di tasse per sostenere tale progetto?
Cioè mi state dicendo che la democrazia occidentale diventerà peggio della Corea del Nord?
Beh sì sarà così, perché è in quella direzione che andiamo, un vecchissimo popolo occidentale in salsa nord coreana (devo ben capire cosa faranno qua i migranti africani e NON è un dettaglio di poco conto), che verrà ammazzato e spremuto per combattere un nemico che esiste e non esiste, perché si ripiega su se stesso, creandosi mille nemici (veri e fittizi), dove tutto verrà distorto in salsa “1984 di George Orwell” + salsa kimchi (coreana) e non avremo in futuro la capacità nemmeno di sognare come gli altri vivono.
Non meglio e nemmeno peggio, non avremo proprio la capacità di porci questa domanda.
Abbiamo perso tecnici, abbiamo delegato la produzione perdendo intere industrie, skills e know-how. Abbiamo perso le aziende che ci permettono di creare armi. Ci mancano minerali, terre rare e tanta ma tanta energia. Una Europa mandata a combattere perché USA lo ha deciso. Manco siamo un popolo europeo unito e compatto, siamo solo cooptati a forza da USA e NATO che ci mandano verso un triste destino.
Ma poi rallegriamoci, siamo un popolo sanissimo, siamo così sani che grazie ai vaccini a M-RNA saremo invincibili.
E non sto scherzando. Parola di Bill!
<<Bill Gates ha annunciato a Davos che quest’anno la sua fondazione stanzierà 8,6 miliardi di dollari per programmi di vaccinazione e salute in tutto il mondo. Lì, tra le altre cose, Gates ha confermato che la maggior parte dei fondi andrà specificamente ai vaccini a mRNA, sui quali una parte significativa della comunità scientifica ha sempre più domande.>> Da https://t.me/giuseppemasala/36485 e trovo conferme da
https://www.news-medical.net/news/20231014/Gates-Foundation-announces-investments-to-advance-mRNA-vaccine-research-and-manufacturing.aspx
https://www.gatesfoundation.org/ideas/media-center/press-releases/2023/10/mrna-vaccine-manufacturing-africa
https://www.bloomberg.com/news/articles/2023-10-09/gates-gives-40-million-to-limit-disease-spread-with-mrna-shots
https://www.technologynetworks.com/biopharma/product-news/gates-foundation-to-accelerate-mrna-vaccine-innovation-and-manufacturing-in-africa-and-globally-379837
Mah, cosa mai andrà storto?

Leggevo: <<“I russi sono sull’orlo di una svolta tecnologica, la nostra guerra elettronica non può far fronte ai loro nuovi droni” Fondatore “dell’Aerial Intelligence Support Center”🇺🇦 “I russi stanno già utilizzando la guida di follow-up automatica nei droni FPV.
Se tali droni verranno messi in produzione in serie, ciò diventerà una sfida seria. La Russia ci supererà non solo nel numero di questi droni, ma anche in qualità”, ha detto Maria Berlinskaya>> DA https://t.me/giuseppemasala/36488
E notavo una novità:

https://t.me/VQBChannel/132752

In passato si diceva “fare i fighi col culo altrui”, ma ora nemmeno siamo fighi, sempre ci mettiamo il “nostro” occidentale europeo e siamo scotennati perché non li soddisfiamo abbastanza. Sarà fino all’ultimo europeo, fino all’ultimo di noi, e gli faremo pure schifo.
Qualcuno spera in una imminente guerra civile interna in USA, e se non succede noi ci rimetteremo tutta la nostra pelle.
Fino all’ultimo occidentale. Fino a scomparire e nulla di noi rimarrà, tutta la nostra civiltà scomparirà.
Preparatevi, è solo l’inizio.

Previous articleMilitari regolari francesi in Ucraina
Next articleParacelso: l’ermetico mistico scienziato rinascimentale
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Ezechiele 25:17 - "Il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare e infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te."Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)