<<Secondo Trump, gli agenti dell’FBI avrebbero sequestrato alcuni documenti e avrebbero anche fatto dei controlli nella sua cassaforte. La casa è un’enorme villa chiamata Mar-a-Lago che si trova a Palm Beach, di proprietà di Trump dal 1985. È la sua principale residenza, e dopo la fine del suo mandato da presidente trascorre qui la maggior parte del suo tempo. Al momento non è stato comunicato cosa l’FBI stesse cercando nel corso della perquisizione ma, secondo quanto riferito ai giornali statunitensi da diverse fonti a conoscenza dei fatti, sembra che l’operazione avesse a che fare con alcuni documenti riservati che Trump aveva portato nella villa al termine del suo mandato presidenziale. Lo ha sostenuto anche Eric Trump, figlio dell’ex presidente, che in un’intervista a Fox News ha detto che l’FBI ha voluto controllare se nella villa del padre ci fossero ancora documenti relativi al suo mandato da presidente.>> https://www.ilpost.it/2022/08/09/trump-fbi-perquisizione-florida/?utm_medium=social&utm_source=twitter&utm_campaign=lancio

Comunque è stata una incursione senza preavviso. Mossa che ha il sapore di disperazione. Trump, di recente, era rientrato molto attivamente in politica. Il raid ha il sapore di una escalation da parte delle agenzie federali contro gli oppositori politici del regime DEM, mentre persone come Hunter Biden continuano a vivere tranquillamente.

Non dovrebbe sorprendere ciò che sta accadendo considerando che l’FBI si è trasformata in un’agenzia di protezione del regime DEM, nota per continuare a fabbricare falsi casi. L’agenzia crea l’illusione che la destra politica in America sia la più grande minaccia per gli stessi USA. Anche se è palese, davanti agli occhi dei cittadini, che la sinistra diventa sempre più violenta. https://www.naturalnews.com/2022-08-08-fbi-whistleblower-reveals-what-bureau-really-thinks-conservatives.html

Alex Jones e Roger Stone rispondono affermando che il colpo di Stato profondo contro l’America libera è andato in overdrive. https://www.infowars.com/posts/emergency-broadcast-fbi-raid-against-trump-signals-deep-state-coup-has-begun-alex-jones-roger-stone-respond/

L’ex commissario del NYPD Bernard Kerik ha dichiarato lunedì di essere preoccupato che i democratici possano tentare di assassinare l’ex presidente Donald Trump. “If you remember back in 2016, right before he got elected, I was in Washington D.C. I was at a couple of different social events, and I hear people talking, they said the Democrats want this guy so bad that they wouldn’t put assassination behind it. And I’m gonna tell you something. they’ve tried impeachment, they’ve tried another impeachment, they’ve tried one investigation after another. This is about one thing: this is about stopping him from running in 2024. And I’m gonna tell you something, I’m not into conspiracies, I’m not into anti-government rhetoric. This is the first time in my lifetime that I would say I am deathly afraid for Donald Trump. I would not put assassination behind these people.” https://www.mediaite.com/tv/bernard-kerik-says-democrats-may-try-to-orchestrate-trumps-assassination-after-fbi-raid/

‘Civil War’ di tendenza su Twitter dopo che l’FBI ha fatto irruzione nel Mar-A-Lago di Trump. “Other users said the FBI’s actions were akin to waging civil war. Some who supported the raid accused Trump supporters of using the raid as an excuse to start civil war. “National Divorce” was another trending keyword.” https://americanmilitarynews.com/2022/08/civil-war-trending-on-twitter-after-fbi-raids-trumps-mar-a-lago/?utm_source=quayle&utm_campaign=alt&utm_medium=facebook

Vedremo cosa succede nei prossimi giorni, di certo questa mossa nei confronti di Trump è molto disperata. Dietro c’è molto altro e questo mi preoccupa molto.

Previous articleEnergia Elettrica. Analisi e focus problemi. Punti di vista energetici. Ecco il terreno di scontro
Next articleL’utopia transumanista è più vicina alla realizzazione: transistor di dimensioni virali in grado di circolare nelle cellule
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.