Pubblicato il 29 settembre 2021. https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.09.28.21264262v1.full.pdf+html

Non abbiamo riscontrato differenze significative nei valori di soglia del ciclo tra i gruppi vaccinati e non vaccinati, asintomatici e sintomatici infetti da SARS-CoV-2 Delta. Data la proporzione sostanziale di casi asintomatici con alti livelli virali nei vaccinati in cui la vaccinazione fallisce, gli interventi, inclusi mascherina e test, dovrebbero essere presi in considerazione per tutti i contesti con elevata trasmissione di COVID-19.
I vaccini in premessa riducono l’infezione, le malattie gravi e la morte per SARS-CoV-2 (COVID-19), ma si verificano nuovi casi ancora. Diversi rapporti non mostrano differenze nei valori di soglia del ciclo (valori Ct) tra individui vaccinati e non vaccinati; tuttavia, altri hanno suggerito che le infezioni intercorrenti, in particolare tra gli individui asintomatici, hanno una carica virale inferiore e quindi possono avere meno probabilità di provocare la trasmissione. Un controllo efficace dell’epidemia richiede dati aggiornati per trovare le misure di mitigazione della salute pubblica.

Qui, riportiamo i valori di Ct tra individui completamente vaccinati e non vaccinati, asintomatici e sintomatici al momento del test, durante un periodo di alta trasmissione della Variante Delta in due popolazioni distinte: un sito comunitario Unidos en Salud (UeS) nel Mission District di San Francisco e Healthy Yolo Together (HYT) test asintomatico attraverso l’Università della California (UC), Davis.

Materiali e metodi
Popolazioni dello studio
I dati sono stati raccolti su individui che hanno volontariamente richiesto il test per la SARS-CoV-2 da due popolazioni demograficamente distinte della California durante un periodo di due mesi dal 17 giugno al 31 agosto 2021, durante il quale Delta era la variante predominante.
HYT: Come parte della risposta alla pandemia COVID-19, UC Davis ha messo in atto un vasto programma di test asintomatici gratuiti che includeva la città di Davis e la contea di Yolo (Healthy Yolo Together). Gli individui asintomatici di età superiore ai 2 anni erano idonei al test.
I casi asintomatici sono stati classificati come individui che non riportavano sintomi al momento del test.
I campioni sono stati raccolti attraverso un metodo supervisionato in cui gli individui hanno trasferito la loro saliva in una provetta con codice a barre (COVID-19 Testing | Campus Ready). Un numero minore di individui sintomatici sono stati trattati utilizzando un flusso di lavoro diverso e un test antigenico, quindi, non sono stati inclusi in questo studio.
UeS: La popolazione dello studio comprendeva individui che hanno richiesto il test per la SARS-CoV-2 presso il UeS walk-up site, un’organizzazione accademica in corso (UC San Francisco, CZ Biohub, e UC Berkeley), organizzazione della comunità (Latino Task Force) e governo (SFDPH). Il sito all’aperto, il sito di test gratuito BinaxNOW™ si trovava in un centro di trasporto pubblico e commerciale nel Mission District, un luogo di trasmissione in corso a San Francisco. Gli individui di un anno
di età e oltre, con o senza sintomi, erano idonei al test.
Misure
Le infezioni sono state classificate come infezioni intercorrenti quando l’individuo era completamente vaccinato (due settimane dopo il ricevimento di tutte le dosi di vaccino). Gli individui che avevano avuto solo una dose o sono stati testati entro due settimane dalla seconda dose, nel caso di Pfizer e Moderna non sono stati inclusi nell’analisi.

Da pagina 4 vado direttamente a pagina 6.

Un totale di 869 campioni, 500 da HYT e 369 da UeS, sono stati inclusi nell’analisi. Tutti i campioni analizzati da HYT erano asintomatici al momento della raccolta e il 75% dei campioni positivi provenivano da individui non vaccinati (N=375). I campioni positivi da UeS erano sia da individui sintomatici (N=237) che asintomatici (N=132). La frequenza di intercorrenza del vaccino tra i campioni UeS (171 completamente vaccinati, 198 non vaccinati) era maggiore che tra i campioni HYT, riflettendo i diversi tipi di popolazioni campionate. La variante Delta era la variante predominante rilevata in entrambe le popolazioni.
Non ci sono state differenze statisticamente significative nei valori medi di Ct dei vaccinati (UeS:23.1; HYT: 25.5) rispetto ai campioni non vaccinati (UeS: 23.4; HYT: 25.4). In entrambi i vaccinati e non vaccinati, c’è stata una grande variazione tra gli individui, con valori di Ct da <15 a >30 sia in dati UeS e HYT. Allo stesso modo, non sono state trovate differenze statisticamente significative in i valori medi di Ct di asintomatici (UeS: 24.3; HYT: 25.4) vs. sintomatici (UeS: 22.7) campioni, nel complesso o stratificati per stato del vaccino. Valori Ct simili sono stati trovati anche tra i diversi gruppi di età, tra i generi e i tipi di vaccino.
In tutti i gruppi, c’erano individui con bassi valori Ct indicativi di alte cariche virali. In totale 69 individui completamente vaccinati avevano valori Ct <20. Di questi, 24 erano asintomatici al momento del test.

Discussione
Nel nostro studio, le cariche virali medie misurate dal valore Ct erano simili per un gran numero di individui asintomatici e sintomatici infettati dalla SARS-Cov-2 durante l’ondata del Delta, indipendentemente dallo stato del vaccino, dall’età o dal sesso. Questo contrasta con la coorte britannica in cui il valore mediano del Ct era più alto per gli individui vaccinati (27,6) rispetto a quelli non vaccinati (23.1)
Inoltre, uno studio di San Francisco ha riportato che 10 individui completamente vaccinati asintomatici avevano cariche virali significativamente più basse rispetto a 28 sintomatici vaccinati. Il nostro studio è coerente con altri rapporti recenti che mostrano carichi virali simili tra individui vaccinati e non vaccinati in ambienti dove sta avvenendo la trasmissione della variante Delta.
In uno studio del Wisconsin, i valori Ct erano simili e la positività della coltura non era diversa in un sottoinsieme di analisi tra 11 casi vaccinati e 24 non vaccinati.
Sia nel Massachusetts che a Singapore, gli individui vaccinati infettati dalla variante Delta avevano valori di Ct simili a quelli degli individui non vaccinati. I nostri risultati sono supportati dalla coerenza attraverso grandi insiemi di campioni che utilizzano diversi studi da due luoghi distinti.

Una parte sostanziale di individui asintomatici e completamente vaccinati nel nostro studio aveva valori Ct bassi, indicativi di elevate cariche virali. Dato che bassi valori di Ct sono indicativi di alti livelli di virus, positività della coltura e aumento della trasmissione, la nostra rilevazione di bassi valori di Ct in individui asintomatici e completamente vaccinati è coerente con il potenziale di trasmissione da infezioni intercorrenti prima dell’insorgenza di sintomi. È interessante notare che le cariche virali sono diminuite più rapidamente negli individui vaccinati rispetto a quelli non vaccinati a Singapore, suggerendo che gli individui vaccinati possono rimanere infettivi per periodi di tempo più brevi.
Oltre il 20% degli individui vaccinati positivi aveva valori Ct bassi (<20), un terzo dei quali erano asintomatici quando sono stati testati. Questo evidenzia la necessità di ulteriori studi sullo stato immunologico di chi evita il vaccino e quanto siano infettivi. Se tali individui portano alte cariche virali, gli individui vaccinati asintomatici possono sempre più contribuire alla pandemia in corso man mano che la proporzione di individui vaccinati cresce.
I valori di Ct in alcuni bambini sotto i 12 anni che non sono ancora idonei alla vaccinazione erano anche bassi. Venti su 109 (18,3%) bambini sotto i 12 anni avevano valori Ct <20, di cui 14 erano asintomatici al momento del test. Il Ct basso indica che i bambini avevano cariche virali elevate ed erano probabilmente infettivi. Questo sottolinea il valore di test regolari e rapidi per i bambini in età scolare per rilevare precocemente l’infezione e bloccare le catene di trasmissione in ambienti in cui la variante Delta è in circolazione.

I dati raccolti in questo studio durante il picco della variante Delta supportano fortemente l’idea che né lo stato del vaccino né la presenza o l’assenza di sintomi dovrebbero influenzare la raccomandazione e l’attuazione di buone pratiche di salute pubblica, compreso l’uso della mascherina, test, distanziamento sociale e altre misure volte a mitigare la diffusione della SARS-CoV-2.

—————————————————

Questo studio mi lascia perplessa per chi lo ha finanziato: Questo lavoro è stato sostenuto dal Chan Zuckerberg Biohub https://en.wikipedia.org/wiki/Biohub

—————————————————

Figura 1. Valori soglia del ciclo SARS-CoV-2 in individui asintomatici, sintomatici, vaccinati e non vaccinati in California. Valori soglia del ciclo di reazione a catena della trascrizione inversa della polimerasi SARS-CoV-2 per campioni di pazienti per stato vaccinale da Healthy Yolo Together (City of Davis and Yolo County, California) (pannello A) e da campioni per vaccino e stato dei sintomi da Unidos en Salud (Mission District, San Francisco, California) (pannello B). I box plot mostrano il primo quartile, la mediana e il terzo quartile nella regione ombreggiata; i diamanti indicano valori anomali oltre 1,5 volte l’intervallo interquartile; i valori di p sono stati calcolati con t-test a due code.
https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.09.28.21264262v1
Previous articleLa costosa ma deliberata carenza di manodopera negli Stati Uniti
Next articleRenato Brunetta non potrai dire che eri nella Rosa Bianca!
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.