Il Presidente del Consiglio nella conferenza stampa del 26 Aprile ha annunciato con un DPCM la cosiddetta “fase 2” che partirà dal 4 Maggio fino al 18, ci permetterà di uscire di casa, di andare a fare jogging, ma mantenendo la distanza di almeno 2 metri, di andare a trovare i nostri congiunti facendo il pranzo o la cena, ma mantenendo la distanza di 1 metro e avendo il volto coperto con la mascherina, non saranno consentite le grandi tavolate o i party, potremmo entrare in un ristorante, ma solo per l’asporto per non creare assembramento all’esterno del locale, non sarà consentito entrare nei luoghi di culto, le messe non saranno permesse, ma sarà possibile organizzare funerali e ci potranno essere al massimo 15 persone.


Dal 4 Maggio potranno riaprire i settori che hanno un indice di rischio basso, cioè, costruzioni e servizi funzionali, imprese manifatturiere e tessili, lavori di ristrutturazione degli edifici scolastici, il commercio all’ingrosso, i laboratori e altre attività di ricerca.


Tra l’11 e il 18 Maggio dovrebbe riaprire il commercio al dettaglio (abbigliamento e calzature) con obbligo di sanificazione dei prodotti.


Il 1° Giugno dovrebbero riaprire bar e ristoranti e nello stesso mese, forse, parrucchieri e centri estetici, per quest’ultimi dovrà essere rispettato il rapporto “uno ad uno” cioè un operatore e un cliente e tutti gli strumenti dovranno essere sterilizzati.


Purtroppo (spero di sbagliarmi) molti di questi locali non riapriranno, e il 4 Maggio non potremmo fare finta che non sia successo niente, il nostro paese durante i 2 mesi di arresti domiciliari ha perso il 9,1% del proprio PIL.


A Pasqua mentre noi eravamo agli arresti, in Germania i cittadini tedeschi erano a spasso nei centri delle città, mentre qua in Italia, la polizia municipale faceva le multe a chi voleva prendere soltanto un po’ d’aria.


Il regime di Giuseppe Conte ci consente e ci permette di poter ritornare a fare alcune cose che facevamo tranquillamente nei tempi normali, e le frasi <<sarà consentito, sarà permesso>> Giuseppi le ha ripetute, e ci ha preso gusto nel ripeterle.


Quando si renderà conto il capo dello stato che Giuseppi non è all’altezza per poter gestire un paese come l’Italia?
L’opposizione dov’è? Dove sono Salvini e Meloni? Perché non si fanno sentire? Non si fanno sentire perché hanno paura che il loro elettorato gli volti le spalle? Non devono avere paura, l’opposizione deve essere forte e unità contro un governo autoritario.


https://www.theitaliantimes.it/economia/coronavirus-italia-mondo-ultime-notizie-news-aggiornamenti_260420/