Marco TosattiCarissimi Stilumcuriali, mi sembra interessante riportare quanto Aciprensa scrive sui rapporti fra i gesuiti e George Soros. Buona lettura. 

Tre enti di beneficenza gesuiti hanno ricevuto negli ultimi anni più di 1,5 milioni di dollari da Open Society Foundations, la fondazione del magnate pro-choice George Soros.

La Jesuit Refugee Service Foundation ha ricevuto 176.452 dollari nel 2018 per “sostenere il lavoro del beneficiario sui diritti dei migranti” in America Latina e nei Caraibi.

Da parte sua, il Jesuit Migrant Service – Spagna (SJM – Spagna), ha ricevuto 75.000 dollari dalla fondazione di George Soros nel 2016 e 151.125 dollari nel 2018.

Ma l’organizzazione caritativa gesuita che ha ricevuto il maggior cespite di fondi dal magnate dell’aborto è la Jesuit Worldwide Learning Higher Education at the Margins USA, dagli Stati Uniti, che ha ricevuto 890.000 dollari nel 2016 e altri 410.000 dollari nel 2018.

Questa organizzazione è l’unica che sul suo sito web riconosce la Fondazione Open Society come uno dei suoi “partner”.

In totale, le donazioni di George Soros alle fondazioni dei gesuiti ammontano a 1.702.577 dollari negli ultimi quattro anni.

Aciprensa ha chiesto alle fondazioni dei gesuiti quali siano i loro legami con Soros e la loro consapevolezza del suo programma a favore dell’aborto, ma fino ad ora non ha ricevuto alcuna risposta.

A metà luglio di quest’anno si è saputo che l’arcivescovo di Santiago del Guatemala, monsignor Gonzalo de Villa y Vásquez, sacerdote della Compagnia di Gesù, era legato alla ormai defunta Fondazione Soros Guatemala dagli anni Novanta fino ai primi anni del nuovo millennio.

Intervistato dall’ACI Prensa in quell’occasione, monsignor De Villa y Vásquez ha detto che “in quel momento non ero consapevole o almeno non ho memoria di esserlo” dell’agenda di George Soros.

Open Society Foundations, creata da Soros nel 1993 come Open Society Institute (OSI), finanzia varie campagne a favore dell’aborto in tutto il mondo.

Nel 2016 si è saputo che la fondazione Soros ha spostato 1,5 milioni di dollari per mettere a tacere lo scandalo della Planned Parenthood, accusata di vendere organi e tessuti di neonati abortiti nella sua struttura statunitense.

Negli ultimi quattro anni, la Fondazione Soros ha donato quasi 12 milioni di dollari alla International Planned Parenthood Federation (IPPF) e al suo braccio politico statunitense, il Planned Parenthood Action Fund.

Nel 2017, il governo irlandese ha ordinato ad Amnesty International di restituire a Soros gli oltre 160.000 dollari donati dalla sua Open Society Foundation per una campagna di legalizzazione dell’aborto in quel Paese.

Un documento della Open Society Foundation trapelato da DCLeaks.com nel 2016 ha rivelato che una “vittoria” per l’aborto in Irlanda era importante per l’organizzazione di Soros al fine di “influenzare altri paesi fortemente cattolici in Europa”.

Nel 2018, le Fondazioni della Società Aperta hanno donato 200.000 dollari all’organizzazione falsamente cattolica a favore dell’aborto Catholics for Choice, l’organizzazione americana dei genitori di Catholics for Choice.

La rivista di economia Forbes stima la ricchezza di George Soros in 8,3 miliardi di dollari.

Il budget della Fondazione Open Society per il 2020 è di 1,2 miliardi di dollari.

Articolo scelto da Alessia – link articolo originale https://www.marcotosatti.com/2020/09/08/open-society-di-george-soros-finanzia-i-gesuiti/