Gli europei sono molto lunatici. Ogni volta che si sentono trascurati dall’America – cioè ogni volta che Washington è impegnata altrove – c’è molto lamento e stridore di denti. E infinite richieste di “rassicurazione”, come ulteriori promesse di spendere e fare ancora di più per difendere il continente.

Il disagio europeo è di nuovo in aumento. Il caotico ritiro dall’Afghanistan del presidente Joe Biden, presumibilmente senza nemmeno la pretesa di una consultazione, ha colpito particolarmente l’Europa. Ci sono state accuse che Biden non si è coordinato con i governi europei, che avevano gruppi considerevoli di personale militare e civile in Afghanistan (Il capo della NATO nega che l’alleanza non sia stata consultata). Sembrerebbe che gli stati continentali abbiano più motivi del solito per essere arrabbiati.

Mentre le brickbats lanciate da Washington non avranno probabilmente molto effetto, l’impotenza dell’Europa ha stimolato un rinnovato interesse per l’espansione delle capacità militari del continente, che potrebbe diventare la conseguenza più significativa del coinvolgimento dell’Europa nella ventennale disavventura afgana di Washington.

Quando i ministri della difesa europei si sono riuniti alla fine di agosto, la loro riunione è stata piena di lamentele di un “fiasco” e “debacle”. Erano frustrati dal fatto che non avevano la capacità di agire in modo indipendente, ma dovevano fare affidamento sull’America. Naturalmente, niente di tutto questo avrebbe dovuto essere una sorpresa. Il presidente francese Emmanuel Macron ha precedentemente definito la NATO “cerebralmente morta”, ha promosso “l’autonomia strategica” e ha sostenuto un “vero esercito europeo”, senza alcun risultato. Le idee grandiose di una forza militare europea indipendente sono circolate a lungo senza fine. Più di due decenni fa sono stati fatti piani per una forza multinazionale di 60.000 uomini, che non è mai apparsa. Nemmeno le successive proposte di “gruppi di battaglia” di 1.500 membri.

Ora Josep Borrell, il ministro degli esteri de facto dell’Unione Europea, vuole stabilire una “forza di entrata iniziale” di circa 5.000 soldati. Si è lamentato: “Noi europei ci siamo trovati – non solo per le evacuazioni dall’aeroporto di Kabul ma anche più in generale – a dipendere dalle decisioni americane”. L’esperienza dell’Afghanistan è stata particolarmente dolorosa, ha osservato, dimostrando “che le carenze della nostra autonomia strategica hanno un prezzo”. Ha auspicato “nuovi strumenti come questa forza d’entrata”, per cui “L’unico modo per andare avanti è quello di combinare le nostre forze e rafforzare la nostra capacità e la nostra volontà di agire”.

Con un’economia combinata equivalente e una popolazione più grande dell’America, l’Europa ha avuto a lungo le risorse necessarie per creare una tale unità. Tuttavia, la volontà è sempre mancata, anche per quello che sarebbe una piccola palla per l’America. Questo è finalmente cambiato?

Restano significative barriere all’azione. Storicamente, Washington si è opposta a una tale forza europea indipendente. I funzionari statunitensi temevano che unità separate avrebbero indotto i penosi europei a ridurre le risorse disponibili per la NATO. Inoltre, le passate amministrazioni temevano che il continente si sarebbe mosso verso una politica estera e militare più indipendente, che è un anatema per Washington. Gli Stati Uniti vogliono che l’Europa faccia di più, ma solo sotto il loro controllo.

Né il continente ha mostrato alcun interesse a fare di più. Nonostante la modesta crescita degli esborsi militari di alcuni stati europei dal 2014, il continente continua a ritardare pesantemente lo sforzo dell’America. In un’autovalutazione pietosamente onesta, il ministro della difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer ha ammesso che “Senza le capacità nucleari e convenzionali dell’America, la Germania e l’Europa non possono proteggersi”. Ha citato le stime che “gli Stati Uniti attualmente forniscono il 75% di tutte le capacità della NATO”.

Solo la Francia e il Regno Unito possiedono forze armate capaci di dimensioni serie. Germania, Italia e Spagna hanno economie considerevoli ma eserciti minimi, in forza teorica e pratica. Infatti, la scarsa prontezza della Bundeswehr, l’erede della Wehrmacht, sarebbe comica se non fosse così grave. Anche i paesi che dicono di temere il revanscismo russo, in particolare i tre stati baltici e la Polonia, spendono poco più del 2% del PIL, un investimento misero a favore della loro libertà. Sul campo, ha notato Rem Korteweg dell’Istituto olandese Clingendael, la Bosnia e la Libia hanno dimostrato “l’incapacità degli europei di fare qualcosa di serio senza gli americani”.

Anche se la maggior parte dei leader europei formalmente acconsente all’insistenza della NATO di spendere di più, non c’è alcun sostegno pubblico per farlo. La maggior parte degli europei non teme la Russia, l’unica minaccia plausibile per la sicurezza. Quelli che lo fanno si aspettano che Washington li protegga. Questo è il motivo per cui i membri più orientali della NATO vogliono la presenza di un tripwire militare americano, per assicurare la morte degli Stati Uniti (non la loro) e innescare un coinvolgimento automatico americano in guerra per loro conto se attaccati da Mosca. La paura del disimpegno degli Stati Uniti potrebbe indurre più paesi europei a spendere di più per il loro esercito, ma finora nessuno si aspetta che i militari americani vadano a casa. Finché la garanzia di sicurezza di Washington appare sicura, poche nazioni europee probabilmente faranno un ulteriore investimento in una “forza di entrata iniziale” europea.

Infatti, gli europei non sono favorevoli ad andare in guerra per i loro vicini, anche se si aspettano che gli americani vadano in guerra per loro. L’anno scorso il Pew Research Center ha intervistato 14 membri della NATO. In Polonia, che richiede costantemente più attenzione da parte degli Stati Uniti, solo il 40% degli intervistati era d’accordo che “il nostro paese dovrebbe usare la forza militare” in risposta a un attacco russo contro un alleato della NATO. Solo un terzo in Germania, che era carica di truppe alleate durante la guerra fredda. E un quarto in Grecia e in Italia. Anche se molti governi sono più favorevoli alla NATO e alle spese militari rispetto ai loro cittadini, in un momento di difficoltà economica e di rigore fiscale sono più propensi a frenare che a espandere la spesa per le forze armate.

Il presidente Biden dovrebbe sostenere con forza gli sforzi europei per creare eserciti più efficaci, comunque siano organizzati. Anzi, dovrebbe andare oltre e incoraggiare il continente a muoversi verso l’indipendenza militare.

Anche se i sostenitori della permanenza in Afghanistan hanno sempre indicato gli schieramenti degli Stati Uniti in Europa e in Asia come precedente, lo studioso di politica estera Mark Sheetz ha notato che “lo scopo dell’intervento ‘temporaneo’ dell’America in Europa occidentale era di eliminare la necessità di un intervento ‘permanente'”. Allo stesso modo, Dwight Eisenhower, comandante supremo della NATO prima di diventare presidente, mise in guardia dall’agire come “una moderna Roma che sorveglia le frontiere lontane con le nostre legioni”. Invece, ha raccomandato di aiutare “questi popoli [a] recuperare la loro fiducia e a mettersi in piedi militarmente da soli”.

Naturalmente, la creazione di una forza di schieramento rapido di 5.000 membri sarebbe solo un piccolo inizio per gli europei che si mettono “in piedi da soli”. Il Center for American Progress ha recentemente riportato: “Le forze armate europee hanno vissuto decenni di declino. Oggi, gran parte dell’hardware militare europeo è in uno scioccante stato di abbandono. … Le forze europee non sono pronte a combattere con l’equipaggiamento che hanno, e l’equipaggiamento che hanno non è abbastanza buono”.

Tuttavia, l’imbarazzo schiacciante dell’Afghanistan potrebbe aiutare a cambiare le cose. Paolo Gentiloni, commissario UE ed ex primo ministro italiano, ha permesso che “è un terribile paradosso, ma questa debacle potrebbe essere l’inizio del momento europeo”. Anche se solo se l’Europa sceglie di spendere e fare di più.

La storia non è promettente, ma la realtà potrebbe finalmente intromettersi. Gli europei mancano di credibilità nel criticare la performance di Washington in Afghanistan. I loro insulti non faranno altro che inimicarsi gli Americani stanchi del tirchio europeo. E i sussidi alla difesa per l’Europa saranno inevitabilmente presi di mira mentre il debito di Washington esplode, dirigendosi verso il record del secondo dopoguerra e alla fine ben oltre.

L’imbroglio dell’Afghanistan ha fornito all’Europa un campanello d’allarme atteso da tempo. L’amministrazione Biden dovrebbe rafforzare quel messaggio avvertendo che gli Stati Uniti non forniranno per sempre il benessere della difesa per un continente sia prospero che popoloso. Se ai governi europei non piace essere trattati con disprezzo da Washington, hanno bisogno della capacità e della volontà di agire in modo indipendente.