Di Peter A. McCullough, MD, MPH

In un recente lavoro di Sattar, in collaborazione con il National Institutes of Health (NIH), si è scoperto che sia l’mRNA che la proteina spike sono colocalizzati nel nucleo delle cellule umane[i].

Co-localizzazione dell’mRNA e della proteina spike nel nucleo della cellula umana. Sattar S, Kabat J, Jerome K, Feldmann F, Bailey K, Mehedi M. La traslocazione nucleare dell’mRNA e della proteina della punta è una nuova caratteristica patogena di SARS-CoV-2. bioRxiv [Prestampa]. 27 settembre 2022:2022.09.27.509633. doi: 10.1101/2022.09.27.509633. PMID: 36203551; PMCID: PMC9536038.

Gli autori notano che ciò è insolito e non sembra essere dovuto al sito di scissione della furina richiesto per l’ingresso della proteina spike nella cellula. È importante notare il contesto e i metodi di questo lavoro, che ha utilizzato SARS-CoV-2 e non vaccini mRNA o DNA adenovirale. Tuttavia, l’importanza di questo risultato non può essere sottovalutata.

Il fatto che una delle proteine ​​più patogene e mortali mai scoperte risieda con il suo codice genetico nel nucleo delle cellule umane è una scoperta da far rizzare i capelli.

In precedenti lavori di Singh, è stato dimostrato che i modelli di proteine ​​spike predicono l’interazione con i geni oncosoppressori P53 e BRCA1.[ii] Sattar ora afferma che ciò potrebbe effettivamente accadere! Pertanto, la proteina spike è sulla scena di un crimine: cancerogenesi o fallimento della sorveglianza immunitaria contro lo sviluppo di cellule tumorali. Seneff ha previsto che la proteina spike possa essere associata alla senescenza cellulare e all’autofagia[iii], portando all’invecchiamento cellulare accelerato e alla morte cellulare programmata. Molti pazienti mi hanno chiesto perché perdono massa muscolare e hanno la caduta dei capelli dopo aver contratto il COVID-19; queste osservazioni forniscono una base esplicativa per la discussione a livello cellulare. Infine, e questa è la cosa preoccupante, Nunez-Castilla ha dimostrato l’omologia della proteina spike con circa tre dozzine di altre proteine ​​umane[iv], il che spiega perché il nucleo della cellula umana consente in primo luogo l’ingresso di mRNA e spike nel centro di controllo della cellula.

Il codice genetico di SARS-CoV-2 potrebbe essere stato “umanizzato” intenzionalmente per rendere possibile tutto ciò di proposito. Mentre il senatore Rand Paul sta facendo un ottimo lavoro concentrandosi sul coinvolgimento degli Stati Uniti nello sviluppo di SARS-CoV-2, sono necessarie indagini più approfondite con scienziati preclinici e funzionari di BARDA (US Military Research) e NIH per scoprire quanto sapevano dell’mRNA, della proteina spike e dei suoi effetti sulle cellule umane durante l’infezione da SARS-CoV-2 ea lungo termine.

https://petermcculloughmd.substack.com/p/sars-cov-2-spike-protein-found-in?utm_source=post-email-title&publication_id=1119676&post_id=84481153&isFreemail=true&utm_medium=email

Previous articleLa “lista degli assassini” ucraina non ha sede in Ucraina ma a Langley, che è anche il luogo in cui ha sede la CIA
Next articleSulla Mistica del Cuore
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)