The Stern Review on the Economics of Climate Change is a 700-page report released for the Government of the United Kingdom on 30 October 2006 by economist Nicholas Stern, chair of the Grantham Research Institute on Climate Change and the Environment at the London School of Economics (LSE) and also chair of the Centre for Climate Change Economics and Policy (CCCEP) at Leeds University and LSE. The report discusses the effect of global warming on the world economy. Although not the first economic report on climate change, it is significant as the largest and most widely known and discussed report of its kind.[1] https://en.m.wikipedia.org/wiki/Stern_Review

Attuazione dell’Agenda 2030: “Personal Carbon Allowances”. https://www.globalresearch.ca/new-study-analyzes-implementation-of-agenda-2030-personal-carbon-allowances/5756040

Le quote personali di carbonio sono state avanzate in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) dell’ONU e la bufala del cambiamento climatico causato dall’uomo. Ho già scritto su questa bufala in articoli come Good Hearts, Fooled Minds: Top 4 Fallacies of the Hijacked Environmental Movement dove ho sottolineato che l’umanità sta effettivamente inquinando il pianeta, ma che tale inquinamento non ha assolutamente nulla a che fare con l’anidride carbonica o CO2, che è un gas di vita. Poiché l’Operazione Coronavirus è una naturale conseguenza dell’agenda del Nuovo Ordine Mondiale (NWO) in generale, c’è da aspettarsi che il suo modello di inganno imiti altre truffe e bufale promosse dalla cabala. Ci sono molti esempi di questo, ma ve ne sono 2 veloci: controllate le somiglianze tra COVID e l’11 settembre (il cui 20° anniversario è appena passato), e tra COVID e la truffa del cambiamento climatico causato dall’uomo. Questo articolo esplorerà quest’ultimo, in particolare l’area specifica delle quote di carbonio personali.

L’idea tecnocratica dei crediti di carbonio

L’idea delle quote personali di carbonio e dei crediti di carbonio esiste da molto tempo e ha le sue radici nella tecnocrazia, che può essere definita come “un governo o un sistema sociale controllato da tecnici, specialmente scienziati ed esperti tecnici”.

I tecnocrati vogliono istituire un sistema in cui l’unità energetica della società sia sotto il loro controllo, e così tutte le persone, naturalmente dipendenti dall’energia, sarebbero anche sotto il loro controllo. In un certo senso, abbiamo un tale sistema ora, dove il denaro è energia e quella forma di energia è sotto il controllo di banche centrali private. Ma i crediti di carbonio portano l’idea molto, molto oltre. Immaginate un mondo in cui tutto ciò che le persone fanno – mangiare, bere, viaggiare, usare elettrodomestici, usare l’elettricità in qualsiasi modo, anche respirare – sia tutto legato alle loro quote personali di carbonio. E immaginate se tutti i crediti di carbonio fossero controllati e distribuiti da tecnocrati. Qualsiasi dissidente potrebbe essere facilmente tagliato fuori dal sistema con un semplice click, con devastanti conseguenze nella vita reale.

Uno studio conclude che i permessi personali di carbonio potrebbero essere sperimentati in nazioni attente al clima

Uno studio su Nature intitolato Personal carbon allowances revisited, pubblicato il 16 agosto 2021, analizza come le quote personali di carbonio potrebbero essere utilizzate per raggiungere gli obiettivi climatici. Per coloro che hanno familiarità con l’agenda del NWO, ‘obiettivi climatici’ è un termine orwelliano che fondamentalmente si traduce nella creazione di un limite artificiale al consumo di energia umana (per soddisfare l’obiettivo tecnocratico) e la creazione di propaganda per far credere alla gente che stanno in qualche modo salvando il pianeta o aiutando l’ambiente andando avanti con esso. Ecco alcune citazioni dallo studio:

“Qui discutiamo come le quote personali di carbonio (PCA) potrebbero giocare un ruolo nel raggiungimento di ambiziosi obiettivi di mitigazione del clima. Sosteniamo che i recenti progressi nell’IA per lo sviluppo sostenibile, insieme alla necessità di una ripresa a basse emissioni di carbonio dalla crisi del COVID-19, aprono una nuova finestra di opportunità per i PCA. Inoltre, presentiamo principi di progettazione basati sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per la futura adozione delle PCA. Concludiamo che le PCA potrebbero essere sperimentate in determinati paesi tecnologicamente avanzati e attenti al clima, tenendo conto dei potenziali problemi di integrazione nell’attuale mix di politiche, delle preoccupazioni sulla privacy e degli impatti distributivi”.

Shell, BP e Easyjet: I grandi inquinatori che disegnano le regole per le compensazioni volontarie di carbonio
Questo è progettato per dettare ogni piccolo dettaglio della vostra vita:

“l’indennità potrebbe coprire circa il 40% delle emissioni di carbonio legate all’energia nei paesi ad alto reddito, comprendendo le emissioni di carbonio degli individui relative a viaggi, riscaldamento degli spazi, riscaldamento dell’acqua ed elettricità. Le indennità sono state previste per essere dedotte dal bilancio personale con ogni pagamento per il carburante per i trasporti, i combustibili per il riscaldamento domestico e le bollette dell’elettricità. Le persone in carenza sarebbero in grado di acquistare unità aggiuntive nel mercato personale del carbonio da coloro che ne hanno in eccesso da vendere. Nuove e più ambiziose proposte di PCA includono le emissioni dell’intera economia, includendo per esempio il cibo, i servizi e le emissioni di carbonio legate al consumo”.

La prossima citazione fa uscire il gatto dal sacco. Il punto è che le quote personali di carbonio riguardano la modifica o il cambiamento del comportamento. L’intero schema è un’operazione psicologica progettata per cambiare le vostre azioni. Vogliono che eseguiate il carbon budgeting che significherebbe, essenzialmente, diventare ossessivo-compulsivi per ogni vostra azione! C’è ancora un altro parallelo con COVID, che ha incoraggiato la gente ad essere ossessivo-compulsiva nel toccare qualsiasi superficie o avere un’interazione umana:

“Basandosi su questa letteratura, i PCA sono pensati per fornire un cambiamento comportamentale legato alle emissioni di carbonio attraverso tre meccanismi interconnessi: economico, cognitivo e sociale. Simile a una carbon tax, una politica con cui viene spesso paragonata, il meccanismo economico delle PCA è previsto per influenzare il processo decisionale assegnando un prezzo visibile del carbonio all’acquisto e all’uso di energia basata sui combustibili fossili in prima istanza, e possibilmente anche alle emissioni legate al consumo nei progetti PCA più avanzati. Tuttavia, oltre al meccanismo economico, le PCA mirano a influenzare il comportamento energetico e di consumo aumentando la visibilità del carbonio, evocando la consapevolezza cognitiva degli utenti del carbonio nella loro routine quotidiana e incoraggiando il carbon budgeting. Inoltre, l’obiettivo condiviso di riduzione delle emissioni e l’assegnazione uguale per persona dei PCA è previsto per creare una norma sociale di comportamento a bassa emissione di carbonio”.

Ha funzionato per COVID, quindi perché non può funzionare per il cambiamento climatico?

Ecco ancora una volta lo stesso tema, che va più o meno così: ha funzionato per COVID, quindi perché non può funzionare per il cambiamento climatico? Se i controllori del NWO possono ingannare la gente e propagare la paura di massa su un virus fasullo di cui non è mai stata provata l’esistenza, perché non provare la stessa cosa su un’immaginaria apocalisse di carbonio?

“In particolare, durante la pandemia COVID-19, le restrizioni sugli individui per il bene della salute pubblica, e le forme di responsabilità individuale che erano impensabili solo un anno prima, sono state adottate da milioni di persone. Le persone potrebbero essere più preparate ad accettare il monitoraggio e le limitazioni relative agli APC per ottenere un clima più sicuro e i molti altri benefici (per esempio, la riduzione dell’inquinamento atmosferico e il miglioramento della salute pubblica) associati all’affrontare la crisi climatica. Altre lezioni che si potrebbero trarre riguardano l’accettazione pubblica in alcuni paesi della sorveglianza e del controllo aggiuntivi in cambio di una maggiore sicurezza. Per esempio, in molti paesi, le applicazioni mobili progettate per il monitoraggio e la tracciabilità delle infezioni da COVID-19 hanno giocato un ruolo importante nel limitare la diffusione della pandemia. Il dispiegamento e il test di tali app forniscono progressi tecnologici e spunti per la progettazione di future app per il tracciamento delle emissioni personali”.

Introdurre l’AI nel processo decisionale

Ricordate l’inquietante video di Google The Selfish Ledger (la mia analisi qui) che delineava un futuro distopico in cui il processo decisionale veniva ceduto all’AI (Intelligenza Artificiale) nell’ultimo atto di ingegneria sociale? Anche questo è promosso proprio qui:

“Infine, i progressi nella digitalizzazione e nell’AI per lo sviluppo sostenibile promettono di ridurre i costi di implementazione e le sfide logistiche per i PCA … Un numero sempre maggiore di compiti decisionali viene delegato a sistemi software, permettendo la presentazione di informazioni personalizzate mirate ai futuri utenti sui loro modelli di emissione. La più recente scienza sull’AI per l’apprendimento, compreso l’uso di agenti virtuali, potrebbe aiutare a perfezionare il tipo di informazioni che vengono mostrate agli utenti per gestire e ridurre le loro emissioni di carbonio. Per l’utente, tutto ciò potrebbe essere confezionato in un’applicazione per smartphone facile da usare che presenta informazioni e consigli su misura sulle emissioni di carbonio personali e facilita il risparmio di carbonio”.

Permessi personali di carbonio: Pensieri finali

Alcune truffe e bufale hanno bisogno di un’iniezione di nuove varianti per mantenere viva la narrazione ufficiale della paura. Ora abbiamo ISIS-K (suona come un cereale) e la temuta variante Delta e la variante Mu. Ad un certo punto, dopo tutte le nuove varianti, vaccini, booster e quant’altro, i controllori del NWO potrebbero trovare troppo difficile mantenere la pretesa che ci sia una minaccia imminente. Potrebbero allora ripiegare sulla minaccia del cambiamento climatico, inventata da decenni, e spingere per le quote personali di carbonio, cavalcando il COVID o altra propaganda. I dettagli della truffa del giorno possono cambiare, ma i modelli di manipolazione rimangono gli stessi. Dobbiamo ricordare che la guerra al carbonio è una guerra alla vita, dato che siamo creature a base di carbonio che vivono in un mondo di vita a base di carbonio. La scienza dubbia o piuttosto inesistente dietro la narrazione ufficiale del COVID è la stessa scienza inesistente dietro la narrazione del cambiamento climatico prodotto dall’uomo. Non rinunciate alla vostra libertà e ai vostri diritti e non svendetevi confinando il vostro comportamento a uno schema di carbonio che pretende di salvare l’ambiente quando non fa nulla del genere.

Fonti

https://thefreedomarticles.com/hijacked-environmental-movement/

https://thefreedomarticles.com/9-11-covid-similarities-16-glaring-parallels/

https://thefreedomarticles.com/eerie-similarities-between-coronavirus-and-climate-change-hoaxes/

https://www.nature.com/articles/s41893-021-00756-w

https://thefreedomarticles.com/10-reasons-sars-cov-2-imaginary-digital-theoretical-virus/

https://thefreedomarticles.com/selfish-ledger-google-social-engineering/

+++++++++++++++++++++++

I tecnocrati vogliono introdurre crediti di carbonio personali “obbligatori” per controllare ogni aspetto della tua vita: I tecnocrati stanno preparando quote di carbonio personali “obbligatorie” che introdurrebbero il razionamento in ogni area della tua vita tramite un’app che registrerebbe i tuoi viaggi, le spese di riscaldamento e persino il cibo che mangi. Sì davvero. La proposta è stata presentata sulla rivista scientifica Nature da quattro “esperti” ambientali come mezzo per ridurre le emissioni globali di carbonio. A tutti verrebbe rilasciata una “carta per le quote di carbonio” “che consentirebbe a tutti gli adulti di ricevere crediti di carbonio che andranno a ridursi nel tempo in linea con gli obiettivi nazionali [di carbonio]”. Gli autori chiariscono che il programma sarebbe una “politica nazionale obbligatoria”.

+++++++++++++++++++++++

https://www.nature.com/articles/s41893-021-00756-w Le quote personali di carbonio rivisitate

Qui discutiamo come le quote personali di carbonio (PCA) potrebbero giocare un ruolo nel raggiungimento di ambiziosi obiettivi di mitigazione del clima. Sosteniamo che i recenti progressi nell’AI per lo sviluppo sostenibile, insieme alla necessità di una ripresa a basso contenuto di carbonio dalla crisi del COVID-19, aprono una nuova finestra di opportunità per le PCA. Inoltre, presentiamo dei principi di progettazione basati sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per la futura adozione delle PCA. Concludiamo che le PCA potrebbero essere sperimentate in alcuni paesi tecnologicamente avanzati e attenti al clima, tenendo conto dei potenziali problemi di integrazione nell’attuale mix di politiche, delle preoccupazioni sulla privacy e degli impatti distributivi.

Quota Personale di Carbonio
sì in molti lo avevamo tracciato negli ultimi mesi, capendo che il covid stava passando e si passava alla nova cojonata, ma questa arriva nel bel mezzo della crisi delle materie prime di cui sul blog OZ ho già molto parlato. Quota carbonio & crisi di materie prime. Il virus non funzionò, ora passano a una nuova duplice agenda… Ragazzi ma le elite sono una pizza riscaldata, il nuovo menù è peggio di una zuppa alla barbabietola rossa.