Zenel Garcia Kevin D. Maudlin – Le affermazioni secondo cui la Cina ha preso la “parte russa” nel conflitto in Ucraina semplificano eccessivamente le relazioni sino-russe. Sosteniamo che le relazioni sino-russe siano una stretta collaborazione incentrata sull’accelerazione della creazione di un ordine multipolare per ridurre l’egemonia americana e illustriamo questa tesi tracciando le basi discorsive ed empiriche della relazione utilizzando materiali primari e secondari. Inoltre, sottolineiamo come il conflitto abbia creato sfide e opportunità per altri interessi strategici cinesi, in alcuni casi a spese degli Stati Uniti o della Russia. La redazione non condivide l’atteggiamento negativo nei confronti dell’Operazione Militare Speciale in Ucraina, che è caratteristico degli autori della pubblicazione ufficiale dell’U.S. Army War College, non considera l’Operazione Militare Speciale come “guerra”, “invasione” e “aggressione”. L’articolo viene pubblicato per conoscere come gli analisti militari statunitensi vedono la cooperazione tra Russia e Cina e quali debolezze in questa cooperazione intendono utilizzare per sconfiggere la Russia.

Il 24 febbraio 2022, la Federazione Russa ha lanciato un’offensiva in Ucraina, intensificando la guerra iniziata otto anni prima con l’annessione della Crimea. Questo evento ha suscitato una risposta più forte da parte degli Stati Uniti e dei suoi partner, risultando in un duplice approccio per costringere la Russia a ritirare le truppe dall’Ucraina. Un approccio prevedeva una serie di sanzioni economiche, mentre l’altro prevedeva il continuo sostegno al governo e alle forze armate ucraine attraverso l’assistenza finanziaria e l’assistenza con l’equipaggiamento militare [1]. Tuttavia, nonostante i partner europei e asiatici abbiano raggiunto un consenso su queste aree chiave, gli Stati Uniti non sono stati in grado di ottenere il sostegno del Sud del mondo [2].

Ancora più preoccupante è l’incapacità di Washington di ottenere il sostegno di Pechino, che invece preferisce rafforzare i punti di discussione di Mosca piuttosto che usare la sua influenza per cambiare il comportamento del Presidente russo Vladimir Putin. La questione ha portato il Segretario di Stato americano Anthony Blinken a dire al suo omologo cinese, il Ministro degli Esteri Wang Yi, che la Cina dovrebbe “alzarsi in piedi e far sentire la sua voce [3]”. Blinken ha anche affermato che “la Cina, in particolare, ha l’obbligo di usare la sua influenza su Putin e difendere le regole e i principi internazionali che professa” piuttosto che restare a “rifiutarsi di condannare questa aggressione e cercare di presentarsi come un arbitro neutrale [ 4]”. A sua volta, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha raccontato al suo omologo cinese Xi Jinping le “conseguenze” se la Cina “assisterà la Russia nei suoi attacchi alle città ucraine e ai civili [5]”.

Queste dichiarazioni illustrano la crescente frustrazione di Washington nei confronti di Pechino mentre il conflitto continua. Nel contesto del peggioramento delle relazioni USA-Cina negli ultimi anni, la posizione di Pechino è sempre più vista come pro-Mosca e vista come un segno di unità autoritaria contro un ordine internazionale “basato sulle regole”. Tale punto di vista semplifica fondamentalmente le relazioni sino-russe e non tiene conto dell’impatto che un’invasione dell’Ucraina potrebbe avere su di esse. Alla luce dell’attuale contesto strategico, adottiamo due argomentazioni. Il primo è che le relazioni sino-russe sono meglio intese come un partenariato strategico limitato volto ad accelerare l’instaurazione di un ordine multipolare al fine di indebolire l’egemonia americana. Non dovrebbero essere viste come una relazione profonda, coinvolgendo il coordinamento dell’intero spettro politico; al contrario, ciascuna parte crede di beneficiare di un ordine multipolare in cui l’altra parte è uno dei poli. Il secondo punto è che l’invasione russa dell’Ucraina è sia una sfida che un’opportunità per la Cina. Le sfide includono un potenziale colpo alla credibilità della Cina come difensore della sovranità, dell’integrità territoriale e del non intervento, e la possibilità che la scarsa performance della Russia la renda incapace di fungere da polo nell’ordine multipolare emergente. D’altra parte, la Cina ha l’opportunità di reindirizzare la pressione su se stessa fornendo assistenza ai paesi in via di sviluppo colpiti dalle sanzioni economiche imposte dall’America e dai suoi alleati. Oltretutto, l’isolamento della Russia dovuto alle sanzioni conferisce alla Cina maggiore influenza nelle relazioni bilaterali.

Questo articolo, volto ad affrontare questi problemi, si compone di tre parti. La prima sezione è dedicata alla storia delle relazioni sino-russe e all’emergere del loro partenariato strategico volto a stabilire un ordine multipolare. La seconda sezione si concentra su come l’invasione russa dell’Ucraina sia sia una sfida che un’opportunità per la Cina, con esempi empirici dal Sud del mondo. Infine, la conclusione descrive le implicazioni dei nostri risultati per gli interessi degli Stati Uniti.

Relazioni sino-russe: promuovere un ordine multipolare

Il Trattato sino-sovietico di amicizia, alleanza e mutua assistenza del 1950 lasciò il posto dieci anni dopo alla scissione sino-sovietica. Questa scissione ha messo in luce le tensioni personali e ideologiche tra i leader cinesi e sovietici, così come le tensioni storiche sui trattati di demarcazione dei confini ineguali negoziati nel XIX secolo [6]. Questi problemi hanno portato a diverse scaramucce di confine che hanno portato gli ex alleati vicini alla guerra [7]. Di conseguenza, è stato necessario un cambio di leadership in entrambi i paesi affinché una seria convergenza iniziasse all’inizio degli anni ’80 [8]. Il discorso del Segretario Generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbachev a Vladivostok il 28 luglio 1986 ha aperto la strada alla normalizzazione delle relazioni tra i due paesi.

Nel suo discorso Gorbaciov ha indicato la sua disponibilità a risolvere i problemi chiave della Cina, in particolare la riduzione delle forze lungo il confine sino-sovietico e le concessioni nei territori contesi lungo il confine [9]. In definitiva, la ripresa dei negoziati su queste due questioni ha aperto la strada a legami più stretti tra Cina e Russia nell’era del dopo Guerra Fredda.

Tuttavia, la loro relazione non si basa su principi politici o economici profondamente condivisi. Dipendono invece da come i due paesi, indipendentemente e congiuntamente, vogliono operare nel sistema internazionale, in contrasto con il fatto che nessuna delle due parti vedeva l’altra come un attore legittimo dopo la scissione sino-sovietica. Le differenze tra i leader, le immagini del comunismo idealizzato, i ruoli di leadership, la percezione delle minacce, le controversie territoriali e le guerre per procura hanno contribuito a collaborazioni ineguali e divisioni crescenti [10]. Questa divisione è diventata più evidente quando l’amministrazione del presidente Richard M. Nixon ha esercitato pressioni sull’Unione Sovietica migliorando le relazioni con il suo “principale rivale nel mondo comunista, la Repubblica Popolare Cinese [11]”. Circa due decenni dopo, con il crollo dell’Unione Sovietica, il sistema bipolare fu sostituito da uno unipolare. Nel giro di pochi anni, le loro relazioni sono migliorate in modo significativo quando i due paesi hanno raggiunto accordi storici per smilitarizzare e delimitare i loro confini. Pertanto, nonostante i limitati interessi di sicurezza, questi passi incrementali hanno aperto la strada a un partenariato strategico volto ad accelerare l’instaurazione di un ordine internazionale multipolare.

Susan Turner osserva che all’inizio degli anni ’90, Cina e Russia stavano attraversando una crisi di identità quando hanno iniziato a formulare la loro partnership. Un’area di interessi sovrapposti era il loro mutuo sostegno a un ordine multipolare, divenuto “causa comune in molte delle loro dichiarazioni e trattati [12]”. Questo obiettivo è stato formulato per la prima volta nella Dichiarazione congiunta russo-cinese del 1997 su un mondo multipolare e la formazione di un nuovo ordine mondiale. Questa dichiarazione è stata seguita dall’accordo regionale dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, in cui Cina e Russia sono diventate partner senior, partecipando a esercitazioni militari multilaterali più profonde rispetto alle varie epoche del Trattato di amicizia [13].

L’interazione regionale dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai non si estende a profonde aspettative o impegni reciproci. Il suo statuto del 2002 parla dei legami storici dei membri e del desiderio di coordinamento e stabilità regionale in “un ambiente di multipolarità politica in evoluzione [14]”. La loro interazione attraverso l’organizzazione ha aumentato il coordinamento nella regione dell’Asia centrale e la concorrenza in una relazione più generale, in cui i singoli stati possono giocare l’uno contro l’altro dalla parte di Russia e Cina.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, molte dichiarazioni diplomatiche cinesi e russe hanno ampiamente sottolineato il sostegno a un ordine multipolare. Ad esempio, durante una visita in Cina il 30 marzo 2022, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che le azioni della Russia chiarirebbero la situazione internazionale. In particolare, ha affermato che con partner che la pensano allo stesso modo, il mondo “si muoverà verso un ordine mondiale multipolare, giusto e democratico [15]”. Nella sua risposta, Wang Yi ha affermato: «Il nostro desiderio di pace non ha limiti, la nostra difesa della sicurezza non ha limiti, la nostra opposizione all’egemonia non ha limiti [16]». I verbali dell’incontro evidenziano il ruolo chiave di Cina e Russia nel promuovere una maggiore multipolarità nel sistema internazionale [17]. In altre parole, la guerra in Ucraina non ha minato l’impegno di entrambe le parti a promuovere l’instaurazione di un ordine multipolare. In effetti, la reazione degli Stati Uniti e dei loro partner all’aggressione russa ha rafforzato il partenariato sino-russo su questo tema.

Mentre Cina e Russia sono d’accordo sull’idea di un ordine internazionale multipolare, non sono d’accordo su chi saranno i suoi membri principali. In una conversazione tra il presidente cinese Xi Jinping e il presidente francese Emmanuel Macron nel febbraio 2022, ha osservato che la Cina considera la potenza europea favorevole allo sviluppo di un mondo multipolare [18]. In altre parole, i funzionari cinesi vedono l’UE come un polo importante nel sistema internazionale, mentre la Russia la vede come una minaccia.

Mentre sia la Cina che la Russia vogliono che l’UE prenda le distanze dagli Stati Uniti, il Cremlino vede il blocco europeo come una minaccia alla sicurezza, mentre la Cina lo vede come un partner commerciale. Tuttavia, mentre la composizione del nuovo ordine è controversa, lo schema generale sostenuto da Cina e Russia esiste da decenni, anche se i singoli simboli e caratteristiche differiscono.

Dichiarazioni ufficiali di Cina e Russia a sostegno di un ordine multipolare compaiono regolarmente nei rispettivi documenti dalla fine della Guerra Fredda. Questa conferma coerente indica che Cina e Russia si stanno organizzando attorno a queste idee e riconoscono che altri la pensano allo stesso modo. Ad esempio, la Cina ha storicamente associato la multipolarità a una maggiore autonomia decisionale interna e internazionale [19]. Martin A. Smith sostiene che la Russia vede la multipolarità come un concetto che si è evoluto da strumento di polemica a principio politico unificante che rafforza la sovranità. Pertanto, sottolineare le funzioni della multipolarità è una critica indiretta al polo esistente – gli Stati Uniti [20]. Per entrambi i paesi, questo approccio è quello di affermare l’idea comune che esiste un processo decisionale più autonomo nella multipolarità.

Nel corso del tempo, la multipolarità si è evoluta da un concetto critico a un ordine desiderabile. Come affermano Russia e Cina, questo ordine opera principalmente nel regno delle idee e contesta le idee sviluppate in un “momento unipolare” in cui gli Stati Uniti erano l’unica grande potenza [21]. L’attuale enfasi su un ordine multipolare non preclude la possibilità che i leader cinesi alla fine cercheranno il proprio momento unipolare. Tuttavia, dichiarazioni ufficiali e dati empirici mostrano che nei prossimi decenni i loro sforzi saranno volti ad accelerare l’instaurazione di un ordine multipolare. A loro avviso, l’ordine multipolare porterà alla posizione dominante della Cina nella regione dell’Asia orientale e a un ruolo chiave globale in cui Pechino avrà maggiori opportunità di formare regole e norme internazionali [22].

Il futuro e la questione dell’impegno

Possiamo aspettarci che in futuro Cina e Russia continueranno a riaffermare il loro impegno per l’idea di un mondo multipolare in cui occupino un posto di rilievo al tavolo della leadership globale? Mentre le opportunità politiche ed economiche della Russia sono minacciate, lo sviluppo economico della Cina sarà un fattore altrettanto importante nelle loro relazioni. Come negli ultimi decenni di relazioni sino-russe, l’interazione bilaterale continua, ma non ci sono impegni radicati.

In altre parole, gli effetti della guerra e della recessione economica potrebbero costringere Cina e Russia a svolgere un ruolo di coordinamento più stretto nell’influenzare il sistema internazionale, poiché riconoscono i limiti di agire da soli.

Mentre i politici negli Stati Uniti sono comprensibilmente interessati alla Belt and Road Initiative, c’è stata meno attenzione alla transizione della Cina verso un modello a doppia circolazione. Il Partito Comunista Cinese promuove l’idea di produrre beni per il consumo interno e globale. Questo impatto aggiuntivo dell’aumento dei consumi interni in Cina è il motivo per cui il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al ribasso le sue previsioni per la crescita economica della Cina [23].

Inoltre, sebbene l’esito della guerra in Ucraina sia sconosciuto, è probabile che la Russia si trovi in una posizione peggiore nel sistema internazionale. Il suo futuro sembra includere una minore domanda globale di energia e più paesi contrari ad essa, compreso il previsto ingresso di Finlandia e Svezia nella NATO.

Questi sono esempi di come la Cina può trarre vantaggio dall’isolamento russo per ottenere l’accesso alle risorse e agire come intermediario finanziario globale. Il gasdotto a lungo ritardato ma ora operativo tra Russia e Cina sembrava essere reciprocamente vantaggioso per decenni. Sebbene nessuna delle parti sia interessata a scambiare la rispettiva valuta o a barattare beni, vale la pena osservare quanto la Cina sia impegnata in questo progetto e nell’aiutare la Russia a far fronte alle difficoltà finanziarie. Questo impegno simboleggerà il modo in cui ciascuna parte gestisce le differenze bilaterali esistenti di fronte alle nuove sfide. Se Cina e Russia dovessero diventare molto più vicine, contraddirebbe gli argomenti generali della teoria dell’equilibrio di potere. Questi argomenti mettono in evidenza il ruolo svolto dalle grandi potenze negli affari globali [24]. Questa coppia nel suo insieme accetta molte ipotesi sulle economie delle grandi e grandi potenze. Sembra probabile che ci saranno più aree di accordo e disaccordo nelle relazioni multipolari tra Cina e Russia di quanto non sia stato il caso negli ultimi decenni.

Il loro confronto con l’Occidente li spingerà più vicini entro i limiti dei loro obiettivi e in generale indebolirà i legami. Allo stesso tempo, sembreranno diffidenti l’uno dell’altro per assumersi obblighi significativi. Il problema degli obblighi riguarda diverse relazioni, ma è particolarmente acuto nel sistema internazionale, dove gli Stati talvolta violano accordi e trattati.

Pertanto, le ipotesi generali su come la Russia e la Cina operano nell’ordine internazionale possono essere stabili, ma è probabile che si indeboliscano di fronte agli sforzi per espandere gli impegni. Questa ipotesi può portarci a chiederci quali sarebbero le implicazioni bilaterali e sistemiche se gli Stati cercassero di evitare le sfide inerenti alla questione degli obblighi. La comunanza di opinioni di Russia e Cina sull’ordine internazionale non indica unità d’azione. Entrambe le parti si sono espresse a sostegno di un ordine multilaterale e sono state critiche nei confronti degli Stati Uniti e dei loro partner durante la guerra. La Cina, tuttavia, chiede regolarmente la fine della guerra senza critiche dirette alla Russia ed evita di sostenere direttamente l’invasione russa dell’Ucraina. In breve, la mancanza di un impegno profondo significa che le parole e i fatti all’interno di un sistema di alleanze come la NATO sono diversi dall’accordo concettuale tra Russia e Cina. La distinzione tra impegno e non impegno non sarà facile da determinare perché tutte le interazioni coinvolgeranno parole e atti che possono essere simili tra loro. Nel tentativo di assumere impegni significativi, la Russia o la Cina dovrebbero sostenere costi e rischi significativi per la sicurezza dell’altra parte. Per il momento, evitano il problema dell’impegno e i suoi effetti collaterali. Nel tentativo di assumere impegni significativi, la Russia o la Cina dovrebbero sostenere costi e rischi significativi per la sicurezza dell’altra parte. Per il momento, evitano il problema dell’impegno e i suoi effetti collaterali.

Guerra russo-ucraina: sfide e opportunità per la Cina

L’escalation del conflitto in Ucraina da parte della Russia ha creato sfide e opportunità per la Cina. Comprendere questa dinamica è fondamentale perché mette in evidenza aree di convergenza e divergenza nelle relazioni sino-russe e previene la percezione semplicistica che Pechino si sia effettivamente schierata con Mosca.

Questa dinamica è particolarmente importante alla luce della dichiarazione congiunta rilasciata il 4 febbraio 2022, all’inizio delle Olimpiadi invernali di Pechino, in cui si afferma che l’amicizia tra i due Stati “non ha confini”, il che implica il rafforzamento di questa connessione [25]. Le azioni della Russia, tuttavia, hanno creato problemi per altre priorità politiche cinesi, sebbene le prove suggeriscano che anche Pechino stia sfruttando strategicamente la crisi a proprio vantaggio. In altre parole, non si tratta tanto della Cina che si schiera, ma della Cina che naviga sulle conseguenze geopolitiche del conflitto in modo tale da salvaguardare i propri interessi.

Sfide

La più grande sfida diretta posta dall’aggressione russa in Ucraina è il tentativo di minare la pietra angolare della politica estera cinese: i Cinque Principi di Coesistenza Pacifica [26]. Sebbene questi principi non siano sempre esplicitamente menzionati, sono inclusi nelle principali dichiarazioni di politica estera dei funzionari cinesi e vengono utilizzati per raccogliere sostegno internazionale. Ad esempio, nel 2013, i discorsi di Xi Jinping, che ha annunciato la creazione della Silk Road Economic Belt ad Astana, in Kazakistan, e della 21st Century Maritime Silk Road a Jakarta, in Indonesia, hanno sottolineato l’importanza della sovranità e del non intervento [27]. Anche il suo discorso all’ONU nel 2017, in cui ha delineato la sua visione per una “Comunità di un futuro comune per l’umanità”, menziona questi principi [28]. Questi principi servono come base per presentare la Cina come un attore internazionale non egemonico e consentono anche a Pechino di criticare implicitamente l’approccio di politica estera degli Stati Uniti e dei suoi partner [29]. Inoltre, servono come base per la solidarietà della Cina con il Sud del mondo [30]. Pertanto, è nell’interesse della Cina apparire a favore di questi principi, poiché è stato dimostrato che forniscono vantaggi politici.

L’aggressione della Russia in Ucraina espone le tensioni interne tra il partenariato strategico della Cina con la Russia, che considera essenziale in un ordine internazionale multipolare, e la sua immagine di difensore della sovranità, dell’integrità territoriale e del non intervento di fronte all’egemonia americana. Di conseguenza, i messaggi di Pechino sembrano contraddittori, poiché dichiara contemporaneamente sostegno alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina, rafforzando allo stesso tempo le tesi di Mosca sulla NATO e rifiutando di chiamare le sue azioni un’invasione [31]. Sebbene ciò possa essere interpretato come un’ipocrisia da parte di Pechino, queste affermazioni mostrano che sta cercando di camminare sul filo del rasoio nel contesto della crisi geopolitica causata dall’invasione russa. Poiché Pechino attribuisce grande importanza al ruolo di Mosca come polo nell’ordine multipolare emergente, non può opporsi direttamente a Mosca senza danneggiare seriamente la sua capacità di svolgere quel ruolo.

Inoltre, la Cina condivide un lungo confine con la Russia, e quest’ultima continua a svolgere un importante ruolo di sicurezza in Asia centrale, con importanti implicazioni per la stabilità dei confini occidentali della Cina [32]. L’assistenza della Russia nel reprimere le proteste antigovernative in Kazakistan nel gennaio 2022 mette in evidenza questo punto [33]. Il fatto che l’esercito russo stia andando male in Ucraina non fa che rafforzare la necessità per la Cina di camminare su quella corda tesa. Pechino non può sostenere apertamente la Russia senza minare la reputazione della Cina come protettrice della sovranità e rischiare sanzioni secondarie da parte degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, Pechino non può esercitare pressioni su Mosca e minare la sua partnership strategica.

Inoltre, la Cina fa affidamento sulla forza russa per proteggere l’Asia centrale, una regione in cui ha investito molto e considera vitale per la stabilità dei suoi affari interni [34]. Un altro timore a Pechino è che una Russia indebolita, ulteriormente isolata dalla Cina, possa decidere di svolgere un ruolo destabilizzante ai suoi confini, proprio come ha fatto l’URSS al culmine della scissione sino-sovietica. Pechino opera in un ambiente strategico fondamentalmente diverso da quello di Washington.

Capacità

Il voto dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 2 marzo 2022, chiedendo la fine della guerra e il ritiro delle truppe russe, ha mostrato un ampio sostegno nel Sud del mondo [36]. Anche in Africa, dove il numero delle astensioni era più alto, più della metà dei paesi ha votato per porre fine al conflitto [37]. Pertanto, gli sforzi di Pechino per sviluppare una credibile contro-propaganda per il suo sostegno percepito alla Russia in una fase iniziale si sono rivelati difficili, dato il problema di conciliare i principi di sovranità e integrità territoriale. Tuttavia, entro la fine di marzo, Pechino ha iniziato a formare una dichiarazione coerente della sua posizione, che le ha permesso di cogliere le opportunità che si stavano aprendo. Questa narrazione si concentra sulla risposta degli Stati Uniti all’invasione, piuttosto che sull’invasione stessa, e contiene tre punti chiave rivolti ai paesi in via di sviluppo del Sud del mondo.

La prima direzione è incentrata sul presentare la posizione della Cina come “oggettiva ed equa, essendo dalla parte giusta della storia” [38]. In questo contesto, Pechino afferma che la sua posizione è equilibrata e più favorevole alla risoluzione pacifica delle controversie rispetto alla posizione degli Stati Uniti e dei suoi partner, che operano in una “mentalità da guerra fredda”. Come ha osservato il ministro degli Esteri Wang Yi, “La soluzione a lungo termine è abbandonare la mentalità della Guerra Fredda, astenersi dal confronto di blocco e costruire veramente un’architettura di sicurezza equilibrata, efficiente e sostenibile per la regione per garantire stabilità e sicurezza a lungo termine nel continente europeo” [39]. Questa formulazione della domanda consente ai funzionari cinesi di presentare il reale ostacolo alla risoluzione del conflitto non come la loro riluttanza a fare pressione su Mosca, ma come la posizione degli Stati Uniti e dei suoi partner.

La seconda componente di questa narrazione si basa sulla prima, criticando gli sforzi di Washington per costruire una più ampia coalizione contro l’aggressione russa nel Sud del mondo. Wang Yi definì questo passaggio una forma di coercizione e dichiarò che “tutti i paesi hanno il diritto di determinare autonomamente la propria politica estera” [40]. Sostiene che “quando si affrontano questioni complesse e in presenza di opinioni diverse, non si dovrebbe scegliere l’approccio semplicistico di amico o nemico e nero o bianco”, aggiungendo che “è particolarmente importante non soccombere alla mentalità della Guerra Fredda” [41]. Questa affermazione sposta ancora una volta l’attenzione dalla posizione di Pechino, esponendo gli Stati Uniti come fonte di instabilità. Inoltre, è direttamente collegato alla narrativa di lunga data di Pechino sulla sovranità e il non intervento.

La terza e ultima componente della narrazione si concentra sull’impatto economico del conflitto e sulle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dai suoi partner. In un incontro con i leader africani a fine marzo, Wang Yi ha affermato che il conflitto in Ucraina si è “disteso in tutto il mondo”, aggiungendo che “il continente africano in particolare non va dimenticato e non va più emarginato” [42]. Sebbene questi incontri fossero stati programmati molto prima dell’invasione dell’Ucraina, Wang Yi ha approfittato dell’incertezza economica causata dal conflitto tra i paesi in via di sviluppo per promuovere la Belt and Road Initiative e altri programmi di sviluppo nel continente africano [43]. In questo processo, ha presentato la Cina come un attore responsabile con un interesse per la situazione economica di questi paesi del Sud del mondo. Inoltre, Wang Yi ha affermato che le sanzioni unilaterali interrompono le catene industriali e di produzione globali nel contesto della pandemia in corso [44]. Questo divario, ha affermato, influenzerà negativamente i mezzi di sussistenza delle persone in tutto il mondo, “che non hanno alcuna responsabilità per il conflitto, ma di fatto pagano i conflitti geopolitici e la rivalità tra i grandi paesi” [45].

Oltre ad espandere la propria presenza nel Sud del mondo, Pechino, come in passato, raccoglierà i frutti delle azioni fallite di Mosca. Ad esempio, nonostante l’instabilità causata alla Cina dal crollo dell’Unione Sovietica, ha permesso a Pechino di prendere piede in Asia centrale per proteggere il suo confine occidentale.

Inoltre, l’ingerenza di Mosca negli affari interni dell’Asia centrale ha spinto queste repubbliche a perseguire una politica multi-vettoriale, che ha contribuito al coinvolgimento della Cina nella regione e le ha permesso di ottenere l’accesso alle risorse di idrocarburi e minerali [46]. Queste azioni alla fine hanno portato alla costruzione del gasdotto dell’Asia centrale, che rappresenta circa il 20% del consumo di gas della Cina [47].

L’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014 ha fornito un’altra opportunità alla Cina. Le sanzioni occidentali hanno lasciato Mosca con poche opzioni se non quella di rivolgersi a Pechino per gli investimenti. Di conseguenza, sono stati approvati gli investimenti cinesi nei settori più importanti dell’economia russa, bloccati a causa di barriere informali [48]. Questo ritardo ha giovato al progetto del gasdotto Power of Siberia poiché la crisi ha permesso alla Cina di negoziare un prezzo di acquisto del gas più basso [49]. Le sanzioni hanno anche facilitato il coinvolgimento della Cina in progetti di gas naturale liquefatto (GNL) nella penisola di Yamal, nel nord della Russia. Come afferma il rapporto Carnegie Endowment, “a causa dell’influenza delle sanzioni occidentali, la quota della Cina nel progetto Yamal LNG è aumentata al 30%” [50]. Questa impresa di investimento cinese ha consentito alle società russe di impegnarsi nel progetto di gas naturale liquefatto e nel gasdotto. Poiché la Cina sfrutta l’isolamento e i problemi economici della Russia, deve anche affrontare rischi finanziari associati a progetti costosi. A causa della guerra in Ucraina, è probabile che la Russia dipenda maggiormente dagli investimenti cinesi. Nel tempo, la Cina potrebbe dover affrontare rendimenti decrescenti e le scelte che ora si trova ad affrontare la partnership nella Belt and Road Initiative.

Di fronte a sanzioni senza precedenti, Mosca ha opzioni più ristrette rispetto al 2014. Gli investimenti cinesi possono fornire una tregua; tuttavia, molte aziende cinesi potrebbero essere reticenti e incapaci di colmare il divario per paura di sanzioni secondarie. Pechino è abile nell’usare canali informali per raccogliere capitali in settori strategici, come ha dimostrato in Iran quando era soggetto a sanzioni [51]. Per ora, i canali non ufficiali potrebbero non essere necessari, poiché Pechino ha tre opzioni ufficiali per aiutare Mosca.

La prima opzione è continuare a fornire alla Russia l’accesso a quasi 81 miliardi di dollari di riserve, denominate in yuan (RMB), che le consentiranno di continuare a commerciare con la Cina [52]. La seconda opzione potrebbe includere l’ampliamento dell’accesso alla linea di scambio di yuan esistente, poiché la maggior parte degli scambi sino-russi è in dollari ed euro. Un terzo strumento che Pechino potrebbe utilizzare è fornire a Mosca l’accesso al sistema cinese di pagamenti interbancari transfrontalieri (CIPS). Teoricamente, l’accesso a questo sistema fornirà un ciclo di negoziazione chiuso basato sullo yuan. Queste tre misure potrebbero espandere il commercio nei settori di investimento che la Cina ha cercato da tempo (come minerali, agricoltura e risorse idriche) e fornire alla Russia un certo sollievo economico. Tutte e tre le opzioni presentano limitazioni significative data la natura squilibrata del commercio bilaterale sino-russo, lo stato iniziale di internazionalizzazione del CIPS e del RMB [53]. Nonostante i potenziali limiti, è chiaro che Pechino trarrà vantaggio dal maggiore isolamento di Mosca.

Conclusione e conseguenze

Gli argomenti di cui sopra hanno importanti implicazioni per gli interessi e la politica degli Stati Uniti. È fondamentale riconoscere che le relazioni sino-russe sono un partenariato basato su un ristretto insieme di interessi (vale a dire, accelerare l’emergere di un ordine multipolare). Cina e Russia presentano i loro sforzi come antiegemonici e implicitamente volti a indebolire l’influenza degli Stati Uniti. Questi sforzi sono presentati come un bene pubblico, che contribuisce alla sovranità statale e, quindi, al raggiungimento di una “maggiore democrazia nelle relazioni internazionali” [54]. Inoltre, Pechino e Mosca si vedono reciprocamente come poli chiave di un ordine multipolare. Pertanto, Pechino non è incline a fare pressioni su Mosca in modi che minano la sua capacità di svolgere questo ruolo. Questo fatto è particolarmente importante date le implicazioni sulla sicurezza del confine occidentale della Cina. In sostanza, le aree di riavvicinamento implicano gli sforzi attivi di Pechino per evitare impegni seri nei confronti di Mosca che vadano oltre gli angusti confini della loro reciproca promozione di un ordine multipolare e non per spingere Mosca in una posizione che pregiudicherebbe la sua capacità di essere un polo nel sistema internazionale.

È anche importante capire come la guerra russa in Ucraina abbia colpito la Cina e come si sia adattata alle conseguenze del conflitto. Le difficoltà iniziali incontrate da Pechino hanno lasciato il posto ad alcune opportunità. Pechino ha guadagnato terreno. Entro la fine di marzo, Pechino ha iniziato a compiere uno sforzo globale per cambiare la narrativa a suo favore. Sebbene i suoi messaggi possano rimanere inascoltati nella maggior parte dei paesi del nord del mondo, hanno trovato un pubblico ricettivo nel sud del mondo. Il fatto che gli Stati Uniti stiano cercando di ottenere il sostegno dei paesi del sud con un chiaro esempio di aggressione russa contro l’Ucraina indica che c’è una mancanza di empatia strategica nel suo approccio a questi paesi. In altre parole, non si riconosce che questi paesi si trovano in un ambiente strategico complesso. Per esempio, se Washington è flessibile nel suo approccio alla dipendenza dell’Europa dall’energia russa, non estende questa flessibilità ai paesi in via di sviluppo del Sud del mondo. Al contrario, Pechino ha riconosciuto e sfruttato questa opportunità per cambiare la narrativa in questi paesi. Pertanto, mentre questi paesi possono opporsi all’aggressione russa, la narrativa cinese consente loro di rispondere in modo più flessibile ad essa.

Nel complesso, i funzionari statunitensi devono monitorare e comprendere le relazioni sino-russe nel loro contesto, portata e limiti appropriati. Questa partnership sfida la posizione dell’America nel sistema internazionale, in particolare nel Sud del mondo, dove le economie emergenti cercano flessibilità politica ed economica. Tuttavia, il contesto, la portata e i limiti delle relazioni sino-russe indicano che gli Stati Uniti e i suoi partner possono plasmare la relazione e il suo impatto sistemico.

Questa indicazione è particolarmente rilevante nel contesto delle relazioni sino-americane, che dovrebbero diventare le relazioni bilaterali più importanti del XXI secolo. I suggerimenti che Pechino si sia schierata con Mosca sono un’interpretazione errata fondamentale della relazione e portano a sforzi politici fuorvianti che potrebbero seriamente influenzare le già tese relazioni sino-americane.

Come mostrano i fatti, la Cina si è schierata dalla sua parte piuttosto che dalla parte della Russia. Questi risultati hanno tre implicazioni per la politica statunitense. La prima è che il partenariato sino-russo è ristretto e mostra chiari segnali di un problema di impegno. Pertanto, i funzionari statunitensi hanno spazio per modellare il comportamento della Cina nei confronti della Russia, specialmente nel contesto dell’Ucraina. Mentre i leader cinesi vedono la Russia come un polo importante nell’ordine multipolare emergente, un vicino con cui condividono un lungo confine e un paese che continua ad avere il potenziale per influenzare la sicurezza della Cina, la principale preoccupazione di Pechino rimane la stabilità politica ed economica. Il timore di sanzioni secondarie è un esempio di questa preoccupazione. Inoltre, [55] mentre è improbabile che i funzionari statunitensi riorientino drasticamente la politica cinese a proprio piacimento, la portata ristretta delle relazioni sino-russe e l’importanza che i leader cinesi attribuiscono alla stabilità suggeriscono che c’è spazio per plasmarla.

In secondo luogo, mentre la Cina ha preso posizione nella sua narrativa della guerra, l’atto di aggressione della Russia solleva legittimi interrogativi sul suo impegno nei confronti dei principi di sovranità, integrità territoriale e non intervento. Questa situazione offre un’importante opportunità per plasmare l’approccio della Cina all’Ucraina e, cosa più importante, per prendere l’iniziativa nel Sud del mondo, poiché la ragione principale per cui gli Stati Uniti hanno raggiunto la loro posizione attuale nel sistema internazionale è stata la loro capacità di portare il massimo di probabili concorrenti in esso. La maggior parte di questi attori è ora in relativo declino, mentre alcuni attori nel Sud del mondo stanno diventando sempre più fondamentali per l’ordine internazionale. Mentre gli Stati Uniti hanno bisogno dei loro attuali partner e alleati per mantenere la loro posizione, dovranno portare queste nuove potenze nei loro ranghi.

Il terzo punto nasce dalla necessità di conquistare le potenze in via di sviluppo. Il successo della Cina si basa su un profondo impegno economico e sulla mobilitazione del potere discorsivo in un modo che attiri i paesi del Sud del mondo. Pertanto, i funzionari statunitensi devono capire che la valuta in questi spazi è l’investimento e il commercio, combinati con politiche strategiche flessibili. In altre parole, devono capire che questi paesi si trovano in condizioni strategiche difficili, il che rende indesiderabile un chiaro sostegno da una parte o dall’altra. Fare affidamento su binari politici e concentrarsi sui partenariati per la sicurezza potrebbe portare a risultati limitati.

Note:

[1] SCHEDA INFORMATIVA: Stati Uniti e partner del G7 impongono costi elevati per la guerra di Putin contro l’Ucraina, Casa Bianca (sito web), 8 maggio 2022, https://www.whitehouse.gov/briefing-room/statements-releases/ 2022/05/08/… SCHEDA INFORMATIVA: La Casa Bianca chiede al Congresso di fornire ulteriore sostegno all’Ucraina, Casa Bianca (sito web), 28 aprile 2022, https://www.whitehouse.gov/briefing-room/ dichiarazioni-rilasci/2022/04/28/…

[2] Heather Ashby e Joseph Sany, “On Ukraine, Africa Needs a Clear US Message”, United States Institute of Peace (sito web), 17 maggio 2022, https://www.usip.org/publications/2022/05 /l’ucraina-africa-ha-bisogno-di-chiarire…

[3] Il segretario Blinken con Jake Tapper della CNN – Intervista, Dipartimento di Stato degli Stati Uniti (sito web), 6 marzo 2022, https://www.state.gov/secretary-antony-j-blinken-on-cnn-state -dell’uni…

[4] Segretario Anthony J. Blinken presso una disponibilità per la stampa, Dipartimento di Stato degli Stati Uniti (sito web), 17 marzo 2022, https://www.state.gov/secretary-antony-j-blinken-at-a- disponibilità stampa…

[5] Lettura del presidente Joseph R. Biden Jr. Appello con il presidente Xi Jinping della Repubblica popolare cinese, Casa Bianca (sito web), 18 marzo 2022, https://www.whitehouse.gov/briefing-room/Statements-releases/ 2022/ 03/ 18/ readout- del-presidente-joseph-r-biden-jr-chiamata-con-il-presidente-xi-jinping-della-repubblica-dei-popoli-di-cina-2/

[6] Cfr. Danhui Li e Yafeng Xia, Mao and the Sino-Soviet Split, 1959–1973: A New History (Lanham, MD: Lexington Books, 2020); Lorenz M. Lüthi, La scissione sino-sovietica: la guerra fredda nel mondo comunista (Princeton, NJ: Princeton, University Press, 2010); “Un commento sulla dichiarazione del Partito Comunista degli Stati Uniti”, People’s Daily (sito web), 8 marzo 1963, 12, www.marx2mao.com/Other/CCP2CPUSA63.pdf.

[7] Yang Kuisong, “Lo scontro di confine sino-sovietico del 1969: dall’isola di Zhenbao al riavvicinamento sino-americano”, Storia della Guerra Fredda 1, n.1 (2000): 21–5

[8] Sergey Radchenko, Visionari indesiderati: il fallimento sovietico in Asia alla fine della guerra fredda (New York: Oxford University Press, 2014), 10–50.

[9] Mikhail Sergeevich Gorbachev, Discorso di Mikhail Gorbachev a Vladivostok, 28 luglio 1986 (Mosca: Novotsi Press Agency Publishing House, 1986); e Joseph M. Ha, “Le audaci iniziative asiatiche di Gorbaciov: Vladivostok e oltre”, Prospettiva asiatica 12, n.1 (1988)

[10] Lorenz M. Lüthi, La scissione sino-sovietica: la guerra fredda nel mondo comunista (Princeton, NJ: Princeton University Press, 2010), 349

[11] John Lewis Gaddis, Strategie di contenimento: una valutazione critica della politica di sicurezza nazionale americana durante la guerra fredda (New York: Oxford University Press, 2005), 292.

[12] Susan Turner “Russia, Cina e un ordine mondiale multipolare: il pericolo nell’indefinito”, Prospettiva asiatica 33, n. 1 (2009): 159–84.

[13] Alexander Marrow e Gabrielle Tétrault-Farber, “Russia, China Extend Friendship and Cooperation Treaty – Kremlin”, Reuters (sito web), 28 giugno 2019, https://www.screw.com/world/china/russia- cina-estendere-amicizia-coop….

[14] Nazioni Unite, Carta dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (San Pietroburgo, 7 giugno 2002), 245, https://treaties.un.org/doc/Publication/UNTS/Volume%202896/Part/volume-2. ..

[15] “Osservazioni di apertura del Ministro degli Esteri Sergey Lavrov durante i colloqui con il Ministro degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese Wang Yi”, Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa (sito web), 30 marzo 2022, https://mid.ru/ fr/foreign_policy/news/1807067/?lang=e

[16] Cina e Russia sbattono le sanzioni internazionali “illegali” che prendono di mira Putin sull’Ucraina, Radio Free Asia (sito web), 30 marzo 2022, https://www.rfa.org/english/news/china/russia-ukraine- 03302022094602.html.

[17] “Wang Yi tiene colloqui con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov”, Ministero degli Affari Esteri della Repubblica popolare cinese, 30 marzo 2022, https://www.fmprc.gov.cn/eng/zxxx_662805/202203/ t20220331_10658029.html

[18] “Xi Eyes New Driving Forces for China-France Cooperation”, Xinhua (sito web), 25 febbraio 2022, http://www.xinhuanet.com/english/2021-02/26/c_139767737.htm

[19] Brantly Womack, “Teoria dell’asimmetria e concetto cinese di multipolarità”, Journal of Contemporary China 13, n.39 (2004): 351–66.

[20] Martin A. Smith, “Russia and Multipolarity since the End of the Cold War”, East European Politics 29, n.1 (2013): 36–51

[21] Charles Krauthammer, “Il momento unipolare”, Affari esteri 70 (1990), 23

[22] Alastair Iain Johnston, “La Cina in un mondo di ordini: ripensare la conformità e la sfida nelle relazioni internazionali di Pechino”, Sicurezza internazionale 44, n. 2 (2019): 9–44.

[23] “World Economic Outlook April 2022: War Sets Back the Global Recovery”, Fondo Monetario Internazionale (sito web), nd, https://www.imf.org/en/Publications/WEO/Issues/2022/04/19 /economico mondiale….

[24] Kenneth N. Waltz, Teoria della politica internazionale (Long Grove, IL: Waveland Press, Inc., 1979), 1

[25] “Dichiarazione congiunta della Federazione Russa e della Repubblica popolare cinese sulle relazioni internazionali che entrano in una nuova era e lo sviluppo sostenibile globale”, Presidente della Russia, 4 febbraio 2022, http://en.kremlin.ru/ supplemento/5770.

[26] Si tratta di (1) rispetto reciproco per la sovranità e l’integrità territoriale, (2) non aggressione reciproca, (3) non interferenza reciproca negli affari interni, (4) uguaglianza e reciproco vantaggio e (5) pacifica coesistenza.

[27] Vedi “Promuovere l’amicizia tra la nostra gente e lavorare insieme per costruire un futuro luminoso”, Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese nel Regno del Belgio (sito web), 7 settembre 2013, https://www.fmprc.gov .cn/ce/cebel/eng/zxxx/t1078088.htm; e “Discorso del presidente cinese Xi Jinping al parlamento indonesiano”, ASEAN-China Center (sito web), 3 ottobre 2013, http://www.asean-china-center.org/english/2013-10/03/c_133062675. Htm

[28] Lavorare insieme per costruire una comunità di futuro condiviso per l’umanità, Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese nella Repubblica dell’Iraq, 18 gennaio 2017, https://www.mfa.gov.cn/ce/ceiq/ eng/zygx/t1432869.htm.

[29] Zenel Garcia, Frontiera occidentale ed Eurasia cinese: la politica dello Stato e dell’edilizia regionale (New York: Routledge, 2021).

[30] Garcia, La frontiera occidentale della Cina, 190

[31] Cfr. “Il Consigliere di Stato e Ministro degli Esteri Wang Yi Meets the Press”, Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese (sito web), 7 marzo 2022, https://www.fmprc.gov.cn/eng / zxxx_662805/202203/t20220308_10649559.html; e “Conferenza stampa regolare del portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian”, Ministero degli Affari esteri della Repubblica popolare cinese (sito web), 11 aprile 2022, https://www.mfa.gov.cn/eng/xwfw_665399/s2510_665401/202204 /t20220411_106…

[32] Jakob Hedenskog, Erika Holmquist e Johan Norberg, Security in Central Asia: Russian Policy and Military Posture (Stoccolma: FOI Swedish Defense Research Agency, 2019), 1–96, https://foi.se/rest-api /rapporto/FOI-R-4756—SE

[33] Nastassia Astrasheuskaya, “Le truppe russe si ritirano, afferma il presidente del Kazakistan”, Financial Times (sito web), 11 gennaio 2022, https://www.ft.com/content/d550169b-d50d-4188-86d7-91227810a43d

[34] Garcia, la frontiera occidentale della Cina.

[35] Garcia, Frontiera occidentale della Cina, 53

[36] Cfr. “A/RES/ED-11/1Aggression against Ukraine: Resolution/Adopted by the General Assembly,” Nazioni Unite (sito web), 2 marzo 2022, https://digitallibrary.un.org/record/3965290 ?ln=it; e “Aggression against Ukraine: Resolution/Adopted by the General Assembly Vote”, Nazioni Unite (sito web), 2 marzo 2022, https://digitallibrary.un.org/record/3959039.

[37] “A/RES/ED-11/1.”

[38] “Wang Yi: la posizione della Cina è obiettiva ed equa, e dalla parte giusta della storia”, Missione permanente della Repubblica popolare cinese presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra e altre organizzazioni internazionali in Svizzera (sito web), 18 marzo, 2022, http://gineva.china-mission.gov.cn/eng/zgyw/202203/t20220320_10653564.htm.

[39] “Wang Yi: la posizione della Cina…”

[40] “Wang Yi: la Cina e altri paesi in via di sviluppo hanno preoccupazioni ragionevoli e posizioni simili sulla situazione attuale in Europa”, Missione permanente della Repubblica Popolare Cinese presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra e altre organizzazioni internazionali in Svizzera (sito web) , 20 marzo 2022, http://gineva.china-mission.gov.cn/eng/zgyw/202203/t20220320_10653593.htm.

[41] “Wang Yi: Cina e altri paesi in via di sviluppo”.

[42] “Wang Yi: Più è turbolenta la situazione internazionale, più supporto e assistenza all’Africa dovrebbero essere aumentati”, Missione permanente della Repubblica Popolare Cinese presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra e altre organizzazioni internazionali in Svizzera (sito web), 20 marzo 2022, http://gineva.china-mission.gov.cn/eng/zgyw/202203/t20220320_10653589.htm.

[43] Wang Yi Tiene colloqui video con il ministro degli Affari esteri tanzaniano Liberata Mulamula, Missione permanente della Repubblica Popolare Cinese presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra e altre organizzazioni internazionali in Svizzera (sito web), 20 marzo 2022, http: //ginevra.china-mission.gov.cn/eng/zgyw/202203/t20220321_10653739.htm; e “Wang Yi Hold Talks with Algerian Foreign Minister Ramtane Lamamra”, Missione permanente della Repubblica popolare cinese presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra e altre organizzazioni internazionali in Svizzera (sito web), 20 marzo 2022, http://ee. china-embassy.gov.cn/eng/zgyw/202203/t20220321_10653737.htm

[44] “Wang Yi: la Cina e altri paesi in via di sviluppo hanno ragionevoli preoccupazioni e posizioni simili sulla situazione attuale in Europa”, Missione permanente della Repubblica Popolare Cinese presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra e altre organizzazioni internazionali in Svizzera (sito web), 20 marzo 2022, http://gineva.china-mission.gov.cn/eng/zgyw/202203/t20220320_10653593.htm

[45] “Wang Yi: Cina e altri paesi in via di sviluppo”.

[46] Garcia, la frontiera occidentale della Cina.

[47] “Flow of Natural Gas from Central Asia”, China National Petroleum Corporation (sito web), 2016, www.cnpc.com.cn/en/FlowofnaturalgasfromCentralAsia/FlowofnaturalgasfromCentralAsia2.shtml.

[48] Alexander Gabuev, “Amici con vantaggi? Relazioni russo-cinesi dopo la crisi in Ucraina,” Carnegie Endowment for International Peace (sito web), 2016, https://carnegieendowment.org/files/CEIP_CP278_Gabuev_revised_FINAL.pdf

[49] Anastasia Kapetas, “La Cina può sostenere l’economia in crisi della Russia?” Strategist (sito web), Australian Strategic Policy Institute, 23 marzo 2022, https://www.aspistrategist.org.au/can-china-prop-up-russias-failing-econ…

[50] Vita Spivak e Alexander Gabuev, “The Ice Age: Russia and China’s Energy Cooperation in the Arctic”, Carnegie Endowment for International Peace (sito web), 31 dicembre 2021, https://carnegiemoscow.org/commentary/86100.

[51] Garcia, Frontiera occidentale della Cina, 105–6

[52] Logan Wright, Reva Goujon, Jordan Schneider e Lauren Dudley, “La resa dei conti della Russia di Pechino”, Rhodium Group (sito web), 4 marzo 2022, https://rhg.com/research/beijings-russia-reckoning/.

[53] Cfr. Natasha Turak, “Quanto può (e aiuterà) la Cina ad aiutare la Russia mentre la sua economia crolla?” CNBC (sito web), 16 marzo 2022, https://www.cnbc.com/2022/03/16/how-much-can-and-will-china-help-russia-… e Wright, Goujon, Schneider e Dudley, “La resa dei conti della Russia di Pechino”.

[54] Wang Yi Tiene colloqui.

[55] Tiffany Barron et al., “Engagement Revisited: Progress Made and Lessons Learned from the US-China Strategic and Economic Dialogue”, National Committee on American Foreign Policy (sito web), settembre 2021, https://www.ncafp.org/2016/wp-content/uploads/2021/09/NCAFP_China_Engagement_final_Sept-2021.pdf

Fonte

Traduzione di Alessandro Napoli – https://www.geopolitika.ru/it/article/relazioni-sino-russe-e-guerra-ucraina