Defender Europe 21 e sale subito la militarizzazione statunitense nei Balcani. In atto una manovra su larga scala di scontro di armi vicino al confine russo e intorno alla Serbia. Il 24 marzo 2021 ci ricorda che 22 anni fa – nel 1999 – iniziava l’illegale guerra di aggressione USA-NATO contro la Repubblica Federale di Jugoslavia. Sempre e ovviamente in questi giorni si tornano a marcare le stesse zone di guerra https://pravda.rs/201/3/19/nato-i-amerika-zveckaju-oruzjem-oko-srbije-trajace-sve-do-leta/.

Se prima era una provocazione, ora è sempre più chiaro che Defender Europe 21 sta spostando un’intera divisione militare statunitense in Europa. Sembra che i carri USA stiano entrando in treno dalla Polonia in Ucraina –>> https://t.me/vn_rangeloni/375: “Carri NATO in Ucraina? Ultimamente in rete sono apparsi svariati video riportanti spostamenti di mezzi militari, sia in Ucraina che in Russia. Un nuovo video di questa mattina riporta qualcosa di nuovo e diverso dagli altri: si vede un carico di corazzati che ricordano i Bradley M2 USA, autocisterne e altro. Di certo non si tratta di mezzi ucraini. Non è possibile dire con precisione dove e quando sia stato avvistato, ma stando alla descrizione dell’autore sarebbe giunto dalla Polonia. L’autore, in lingua ucraina, afferma: “ecco gli aiuti”. La cosa che più preoccupa è il modo in cui viene raccontata la situazione nell’Europa orientale. I media dei paesi UE si indignano per gli spostamenti di carri russi in territorio russo (!), ignorando quel che accade sul versante opposto, dove i droni da ricognizione USA sono ospiti quotidiani. Se dovesse accadere qualcosa di grosso, come al solito, la responsabilità verrebbe addossata alla Russia. Perché alla fine lo scopo non è altro che questo: provocare Mosca.”

I siti di addestramento militare previsti saranno situati in diversi paesi della NATO, tra cui Romania e Bulgaria, così come nella base statunitense KFOR Camp Bondsteel in Kosovo. A sua volta, la Germania, stato membro della NATO, formerà un “hub centrale”. “Defender-Europe 21″ riunisce circa 30.000 soldati di 27 stati che eseguono manovre su un ampio territorio. La maggior parte delle truppe vengono dagli Stati Uniti”, secondo il Balkan Security Network. “Uno degli obiettivi dell’esercitazione è quello di spostare unità di dimensioni di uno squadrone da stazioni negli Stati Uniti a un potenziale sito di battaglia in Europa. Tutti i paesi della regione, tranne la Serbia, partecipano all’esercizio, compresa la forza di sicurezza del Kosovo”, ha aggiunto.

I Balcani sono l’area principale in cui si sta svolgendo l’esercitazione, mentre saranno utilizzati anche i centri di addestramento nei paesi baltici e in Germania https://www.globalresearch.ca/defender-europe-21-threat-against-russia-serbia/5740627. Quasi tutti i più grandi centri di addestramento militare della regione saranno utilizzati, come Slunj in Croazia, Manjaca e Glamoc in Bosnia (Republika Srpska), Krivolak in Macedonia del Nord e Bondsteel vicino a Urosevac in Kosovo. Saranno utilizzati anche 30 centri di addestramento militare in tutta Europa. (EURACTIV.rs | betabriefing.com)

Immagine in evidenza: Il Console Generale Meghan Gregonis, Consolato degli Stati Uniti di Monaco accoglie il Col. Patrick Disney, 1a Divisione di Cavalleria mentre arriva all’aeroporto di Norimberga, Germania, 5 marzo 2020. Disney e i suoi compagni sono i primi ad arrivare in Germania per l’esercitazione DEFENDER-Europe 20. L’esercitazione DEFENDER-Europe 20 è il dispiegamento di una forza credibile per il combattimento di dimensioni di una divisione dagli Stati Uniti all’Europa, il disegno dell’equipaggiamento e il movimento di personale ed equipaggiamento attraverso il teatro in varie aree di addestramento. (Foto dell’esercito degli Stati Uniti del capitano Ellen C. Brabo, Comando di addestramento del 7° esercito) (Foto dell’esercito degli Stati Uniti del capitano Ellen C. Brabo, Comando di addestramento del 7° esercito)

L’Ucraina dopo aver surrettiziamente dichiarato guerra alla Russia, come ho precedentemente qui spiegato https://www.orazero.org/i-carri-armati-russi-si-muovono-verso-lucraina-il-mondo-si-prepara-alla-possibilita-che-una-grossa-guerra-possa-presto-scoppiare/, riceve dalla NATO il “segnale reale” del piano di adesione. E come prospetto usando la mia solita magica sfera di cristallo temo dopo la Pasqua Ortodossa una guerra ai confini. I DEM sono guerrafondai e Volodymyr Zelenskiy è il nuovo Juan Guaidó della situazione. Ovvero: “Il presidente dell’Ucraina ha detto di aver ricevuto assicurazioni dal presidente americano Joe Biden in una telefonata di venerdì che Washington non abbandonerà l’Ucraina di fronte all'”aggressione” russa.” https://www.wionews.com/world/ukraine-urges-nato-to-send-real-signal-to-russia-with-membership-plan-375688

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha detto ai giornalisti venerdì che la situazione sulla linea di contatto in Ucraina orientale tra le forze governative ucraine e le forze separatiste sostenute dalla Russia è abbastanza spaventosa e che molteplici “provocazioni” stanno avendo luogo lì https://uncutnews.ch/die-ukraine-fordert-die-nato-auf-mit-ihrem-beitritt-ein-echtes-signal-an-russland-zu-senden/.