Prime Minister’s Questions: 20 March 2019 – Article 50 period, Brexit, hate crime and more

Per chi ha familiarità con la lingua di Shakespeare guardatevi la “sobria” seduta del Parlamento Britannico del 20 Marzo 2019, dove si discuteva del prolungamento dell’articolo 50 per l’uscita dalla UE. Spoiler: 50 minuti di astiosi rimpalli di accuse tra Primo Ministro e opposizione su chi è il responsabile della situazione di stallo attuale. Senza giungere a Nulla. Il tutto condito di schiamazzi e risate. Order… Order… Order… Stay Tuned. Presto parlerò di chi ha puntato e su cosa ha puntato. Alessia C. F. & Paul

Previous articleDifendere una causa che non è italiana
Next articleLa Russia accusa gli USA per il blackout in Venezuela
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.