L’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, fondata da Russia e Cina, rappresenta la metà della popolazione mondiale. Contribuirà a forgiare un nuovo ordine mondiale per il XXI secolo. Ma cosa può offrire questa organizzazione ai suoi membri? Un’analisi di Dmitri Trenin

Più di 20 anni dopo il suo lancio come tentativo di cooperazione tra cinque Stati post-sovietici a guida russa e una Cina in ascesa, l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) è diventata un’importante istituzione globale che rappresenta quasi la metà della popolazione mondiale.
Il 15-16 settembre, Samarcanda, uno degli antichi centri della civiltà umana, ospiterà il vertice annuale del gruppo. Le priorità della presidenza uzbeka di quest’anno comprendono il rafforzamento delle capacità della SCO di garantire la sicurezza e la stabilità regionale, la promozione dell’amicizia e del buon vicinato, l’aumento della rilevanza globale dell’organizzazione, la lotta contro le minacce della tecnologia dell’informazione e dell’ideologia estremista, l’espansione dei contatti all’interno dei parlamenti degli Stati partner, il rafforzamento delle interazioni economiche, il miglioramento dell’interdipendenza reciproca, l’intensificazione dei contatti culturali e umanitari e l’aumento dell’efficacia complessiva del gruppo e dei suoi meccanismi.
Tutto questo sembra impressionante, ma in fondo è piuttosto superficiale, e le decisioni che saranno formalmente approvate al vertice non promettono grandi sensazioni – a parte la tanto attesa ammissione dell’Iran come nono Stato membro della SCO.

Ma il contesto in cui si svolge il vertice di quest’anno a Samarcanda è molto diverso da quello dell’anno scorso nella capitale tagica Dushanbe. L’operazione militare della Russia in Ucraina si è trasformata in una guerra per procura tra Mosca e Washington, e nel frattempo le relazioni già conflittuali tra Cina e Stati Uniti sono diventate sensibilmente più tese, soprattutto con la recente visita di Nancy Pelosi, presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, a Taiwan. Il nuovo concetto strategico della NATO, adottato a Madrid lo scorso giugno, descrive la Russia come la minaccia più significativa e diretta; la Cina, che viene citata per la prima volta, viene descritta come una sfida agli interessi, alla sicurezza e ai valori dell’Occidente.
Di conseguenza, la comunità internazionale, in un’intensificazione della rivalità sull’ordine mondiale, si è visibilmente avvicinata a una scissione in due campi in stile Guerra Fredda.

Tuttavia, è improbabile che la SCO diventi una versione non occidentale della NATO. Mentre l’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti è ora più unita che mai nel tentativo di preservare l’ordine mondiale dominante costruito e sviluppato nel periodo d’oro del dominio transatlantico globale, le nazioni non occidentali non mostrano nulla di simile a questo tipo di unità, gerarchia e disciplina interna.
La Russia e la Cina, pur confrontandosi entrambe con l’egemonia globale degli Stati Uniti, perseguono strategie molto diverse e, nonostante le loro dichiarazioni pubbliche di una cooperazione “che non conosce confini” e di un partenariato “che è più di un’alleanza”, sono molto attente a non danneggiare le loro altre importanti relazioni, ad esempio quelle tra la Cina e gli Stati Uniti e l’Unione europea, o quelle tra la Russia e l’India, dato che questi Paesi cooperano tra loro. Inoltre, la Cina e l’India, per non parlare del Pakistan e dell’India, pur essendo tutti membri della SCO, si considerano reciprocamente grandi minacce per la sicurezza.

Nonostante questa diversità e complessità, la SCO, nel suo terzo decennio, non solo è ancora in attività, ma sta diventando sempre più attiva e attraente per altri Paesi. Partendo da sei membri nel 2001, l’adesione si è estesa a otto dopo il 2017, con circa altri 20 Paesi elencati come osservatori, partner di dialogo o in procinto di aderire. L’adesione dell’Iran, avvenuta quest’anno, ha suscitato l’interesse della Turchia e di alcuni Paesi arabi, in particolare Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Egitto e Qatar.
La comunità SCO potrebbe potenzialmente estendersi su gran parte del continente eurasiatico tra la Bielorussia e la Cambogia. Un’espansione di questo tipo comporta rischi evidenti sotto forma di diversità di interessi, conflitti e tensioni ancora maggiori tra i membri. Ma l’esempio della Cina e della Russia, dell’India e del Pakistan che trovano nella SCO un vantaggio per i loro interessi è un argomento convincente per l’adesione.

In effetti, la SCO non riconosce il concetto di una singola nazione che assume la posizione di leader all’interno dell’organizzazione. Le sue procedure decisionali basate sul consenso, l’enfasi sulla sovranità nazionale e la non interferenza negli affari interni degli Stati membri sono un gradito contrasto con la NATO, dominata dagli Stati Uniti, o con organizzazioni altrettanto polarizzate come il G7. Essere membro della SCO non significa prendere ordini da Pechino o Mosca. Fin qui tutto bene.
Ma cosa può effettivamente offrire la SCO ai suoi membri, osservatori e partner? La risposta generale è: sicurezza nelle loro relazioni reciproche e stabilità nel continente eurasiatico.
Dopotutto, l’organizzazione è nata da conflitti per questioni di confine e minacce militari tra Cina e Russia da un lato e gli Stati dell’Asia centrale dall’altro.

L’adesione di per sé non garantisce l’assenza di conflitti, ma fornisce gli strumenti per prevenirli o gestirli. La SCO offre quindi una piattaforma unica per contatti regolari di alto livello e di grande valore tra Delhi e Pechino. La cooperazione antiterrorismo – nonostante le differenze nella definizione di “terrorismo” – è un altro vantaggio evidente. Dopo il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan, avvenuto lo scorso anno, gli Stati membri della SCO hanno intensificato gli sforzi per rafforzare la stabilità nella regione.
Lo sviluppo economico è da tempo uno dei settori chiave della cooperazione della SCO. La “Nuova Via della Seta” cinese (Belt and Road Initiative) è stata seguita dal Corridoio Nord-Sud che collega Russia, Iran, Paesi arabi e India. La pace nel Caucaso meridionale potrebbe essere consolidata ripristinando le interconnessioni all’interno della regione e i suoi collegamenti con il nord e il sud.

Il disfacimento della “Chimerica” – la simbiosi tra le economie della Repubblica Popolare Cinese e degli Stati Uniti d’America – e la rottura dei legami economici dell’UE con la Russia dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, segnalano la sostituzione della globalizzazione a favore di una concentrazione sulle regioni. I Paesi asiatici ed eurasiatici, che negli ultimi secoli hanno mantenuto relazioni molto più strette con le lontane potenze occidentali che con i loro immediati vicini, si stanno ora concentrando sulle possibilità di relazioni nel loro dinamico vicinato. Le sanzioni economiche occidentali imposte alla Russia aprono anche ulteriori porte alla Russia per gli investimenti e il commercio dall’Asia e dal Medio Oriente.

Lo scoppio delle azioni belligeranti tra Russia e Ucraina ha portato un nuovo impulso all’interno dell’interazione eurasiatica, dopo che l’Occidente ha sequestrato circa la metà delle riserve valutarie russe come sanzione contro la Russia. La questione centrale che è entrata nei calcoli strategici di molti Paesi è quella dell’affidabilità del sistema finanziario globale basato sul dollaro USA.
Il commercio tra questi Paesi utilizza sempre più spesso le valute nazionali degli Stati membri della SCO e dei loro osservatori, come lo yuan cinese, la rupia indiana, la lira turca, il rial iraniano e il rublo russo. Parallelamente, i sistemi di pagamento nazionali di questi Paesi saranno interconnessi, consentendo loro di regolare le transazioni direttamente invece che attraverso Washington o i suoi alleati. In questa fase, i meccanismi sono ancora macchinosi, ma contengono gli inizi di un nuovo sistema finanziario internazionale libero dai dettami di una potenza esterna egemone.

Il sistema internazionale, così come è emerso dopo la fine della Guerra Fredda, si trova in una profonda crisi, la cui risoluzione richiederà molto tempo. Il sistema attuale si basa su organizzazioni radicate o ispirate alla Guerra Fredda, come la NATO o la recente AUCIS, o fortemente dominate dalle potenze occidentali, come le istituzioni finanziarie internazionali, l’OSCE e il sistema delle Nazioni Unite nel suo complesso. Non è certo che i principali beneficiari della situazione esistente si limiteranno a cedere un po’ il passo per fare spazio agli attori globali emergenti, ma sicuramente faranno del loro meglio per mantenere il controllo sul sistema che hanno sviluppato e gestito.

Mentre il futuro dell’ordine mondiale si deciderà nella continua competizione tra le grandi potenze, un modo pratico per cambiare la situazione e servire meglio gli interessi del crescente numero di attori autonomi è quello di sviluppare organizzazioni come la SCO – indipendenti, non egemoniche e inclusive. Potenzialmente, la SCO potrebbe diventare un modello per l’ordine mondiale del XXI secolo in una delle regioni più importanti del mondo.

Dmitry Trenin è membro del Consiglio per la politica estera e di difesa della Russia ed è stato direttore del Carnegie Institute di Mosca.

https://www.rt.com/russia/561753-russia-china-new-world-order/

Previous articleDEFAULT AL CONTRARIO, LA ZAKHAROVA NON SI SBAGLIAVA
Next article“Indebolire la Germania, rafforzare gli Stati Uniti”. Ecco come gli USA e la RAND Corporation stanno pianificando la distruzione dell’economia tedesca. PARTE DUE
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.