Unicredit è la prima banca in Italia (a partire dal 2020) ad applicare i tassi negativi sui conti correnti, ieri mi è giunta voce – A CUI NON VOGLIO E NON INTENDO PERSONALMENTE DARE NESSUN TIPO DI CREDITO – che in futuro potrebbero essere applicati anche da MPS E DA ALTRE BANCHE. ATTENZIONE: quella su MPS E ALTRE BANCHE E’ SOLO UNA VOCE E NON ESISTONO RISCONTRI UFFICIALI, anzi al momento MPS afferma che non intende seguire la decisione di Jean-Pierre Mustier. I piccoli risparmiatori non devono temere nulla, questa politica interessa conti con depositi superiori a 100.000 euro e forse il tetto è già stato pure alzato.

https://www.ilsole24ore.com/art/tassi-d-interesse-negativi-conti-pro-e-contro-la-mossa-bce-ACD85ig

I tassi negativi sui conti correnti sono già presenti in diversi Paesi europei. Chi tiene il proprio risparmio sul c/c dovrà pagare i tassi di interesse negativi, in sostanza si paga per il denaro depositato. Tutto questo poi si sommerà con le spese bancarie per la tenuta del conto.

Qualcuno può pensare che nessuno tenga somme così elevate liquide su c/c, ma in realtà vi sbagliate. Ci sono persone che valutano per giorni o settimane come reinvestire i loro soldi quando finisce un investimento e questo ritorna liquido sul conto. Oppure sono stati fatti dei disinvestimenti perché una famiglia ha deciso di comprarsi una seconda casa o molto altro. Se il mercato non offre vantaggiosi prodotti finanziari le famiglie possono anche decidere di tenere il risparmio sul conto.

E ringraziamo per tutto questo la BCE. In Danimarca ad esempio la Jyske Bank è stata la prima ad offrire mutui ipotecari a un tasso di interesse negativo, ovvero paga di fatto i suoi clienti per prendere in prestito denaro per l’acquisto di una casa. Così i danesi hanno contratto un mutuo a tasso fisso a 10 anni con un tasso d’interesse di -0,5% e rimborseranno meno dell’importo preso in prestito. La tedesca Volksbank che applica il -0,5% sui conti superiori a 100mila euro, la svizzera UBS applica un -0,75% su conti con più di 2 milioni di euro, stessa cosa per le danesi Jyske Bank e Sydbank.

Wildlife Photographer of the Year 2019:  Yongqing Bao. Riserva naturale delle Qilian Mountains (Cina). Fotografia di una marmotta spaventata da una volpe. In primavera la marmotta si è appena ripresa da lungo letargo.

Fino ad adesso le banche italiane avevano risposto alla politica di tassi negativi della Bce incrementando spese e commissioni. Molte banche rimangono scettiche e temono che il trasferimento dei tassi negativi sui clienti possa scatenare una concorrenza più intensa sui prezzi e che i clienti decidano di cambiare banca. Tanti temono la faccenda della perdita di valore dei soldi depositati in banca e tassati dai tassi negativi.

E’una occasione enorme per l’Italia per crescere sfruttando i bassissimi tassi di interesse per investire con piani ENORMI di infrastrutture, a deficit, per garantire crescita per anni e anni a venire. Abbiamo bisogno di classi politiche preparate in Occidente, ma ne vedo poche. Lorenzo hai ragione da vendere, ma temo che l’occidente sia troppo miope per vedere questo strano ma interessante affare. Alessia C.F. (ALKA)

Previous articleScattati i dazi, -20%, 7,5 miliardi di €, del Made in Italy sulle tavole Usa
Next articleTrasformismo politico
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.