6 agosto 2021 entra in vigore il DL 105 per  la discriminazione dei non vaccinati, esattamente 83 anni fa, il 13 luglio del 1938, entra in vigore la legge 1024 per la discriminazione degli ebrei. Come la sua antenata del 1938 e come tutte le leggi discriminatorie,  anche la 105 lede diversi principi costituzionali e una normativa europea che impone la non discriminazione del non vaccinati rispetto ai vaccinati, ma abbiamo ormai capito che l’italia non è una repubblica, e forse mai lo è stata, per cui non c’è problema all’introduzione delle nuove norme razziali.  Come nel 1938 anche oggi un comitato di pseudoscienziati certifica l’emergenza sanitaria, come nel 1938 vennero emanate leggi contro gli ebrei perché rappresentavano un problema sanitario,  anche oggi vengono varate norme discriminatorie contro i non vaccinati perché rappresentano un problema sanitario; sappiamo come andò a finire: olocausto degli ebrei, milioni di morti, tutta l’Europa distrutta, non male come cazzata!

Oggi si ricomincia. E’ molto probabile che finirà come 83 anni fa, è probabile perché quando si comincia a discriminare per legge le cose sfuggono sempre di mano e poi è impossibile riprenderele. Dove si impone la discriminazione per legge si creano divisioni e le divisioni prima o poi portano allo scontro, e più la divisione è forte e discriminante più lo scontro sarà forte e violento.

L’ariano è il giusto. Il vaccinato è il giusto. L’ebreo è l’infetto, il male, il nemico. Il non vaccinato è l’infetto, il male, il nemico. Queste baggianate sono molto facili da inculcare nella testa della gente, purtroppo una volta inculcate sono difficili da rimuovere. Il non ebreo che si sente definito ariano e in funzione di quella denominazione si sente anche superiore, non avrà difficoltà ad accettare questa sua nova condizione e non si porrà la domanda “che cosa mi rende superiore rispetto agli ebrei?”, perché dovrebbe: gli hanno detto che lui è superiore e lui accetta e si compiace del fatto di essere superiore, punto! Che altro dire? Lo stesso vale per il vaccinato, gli hanno detto che è nel giusto e tanto gli basta! Che altro dire?

E chi certifica che l’ariano è superiore all’ebreo? Ma il Comitato Tecnico Scientifico naturalmente! E chi certifica che il vaccinato è superiore al non vaccinato? Sempre il Comitato Tecnico Scientifico! Mica si può contraddire il Comitato Tecnico Scientifico cazzo, sono espertoni, scienziati sopraffini incredibilmente preparati per cui tutto quello che dicono è oro colato, è incontestabile! E se è incontestabile non deve essere contestato, nessun contraddittorio, tutti allineati al pensiero unico del Comitato tecnico Scientifico!

Sono andato in alcuni dei bar che frequento di solito e tutti tranne due hanno eliminato i posti a sedere al chiuso, “in questo modo” – mi hanno detto – “si evitano discriminazioni e si evita di mettere un guardiano che non possiamo permetterci”, e il vaccinato se la prende in quel posto! Il vaccinato convinto di essere superiore perchè il Comitato Tecnico Scientifico lo ha convinto in tal senso si vede trattato come un qualsiasi non vaccinato, nemmeno lui si può sedere all’interno e la prende come una beffa! Questo è un problema non da poco, un problema che l’ariano del ’38 non aveva: il vaccinato ha corso e corre dei rischi ad assumere il santo e sempre laudando vaccino, se si vede trattato come un non vaccinato potrebbe diventare molto, troppo nervoso!

Quando si vuole imporre qualcosa bisogna convincere tutti possibilmente o, in subordine, la maggior parte. Se poi il gioco non sta in piedi, se la supercazzola fa acqua da tutte le parti allora nasce un problema con quelli che si erano fatti convincere e che adesso si sentono presi per i fondelli, e nessuno vuole ammettere di esserci cascato come un pollo, nessuno vuole ammettere che non era vera pandemia ma la terapia tapioco!

“Passare da bischero” dà fastidio, sopratutto se si corre un indefinito rischio a farsi inoculare un farmaco sperimentale! Lo capisco: se fossi vaccinato pretenderei di sedermi al tavolo, di fare tutti gli assembramenti che voglio e di non indossare più la mascherina! Ma vedi, caro vaccinato volontario, il problema è che le mascherine sono un bel business, un affare, un affarone coi fiocchi e chi tira i fili della supercazzola non ci rinuncerà tanto facilmente e ti dovrà convincere che la devi portare ancora, e ancora e ancora! E la devi portare per colpa del non vaccinato che non si assume alcun rischio non assumendo il sempre laudando e sperimentale vaccino!

Eh sì, caro vaccinato volontario, ne hai ben donde ad incazzarti come una bestia! Il vaccinato volontario (d’ora in avanti V-V) vede che il rischio che si è preso non lo libera, vede che dovrà andare in quarantena se viene in contatto con un positivo, vede che deve tenere la mascherina come il non vaccinato e comincia a capire che il suo sacrificio per la libertà sua e di tutti è stato fatto in funzione di una supercazzola prematurata, una terapia tapioco! Quindi anch’io al tuo posto sarei un tantinello incazzato caro V-V, ma c’è anche da dire, CARO V-V, che questa supercazzola prematurata era chiaro fin dall’inizio CHE FOSSE UNA SUPERCAZZOLA PREMATURATA! Non è che ci voleva Einstein per vedere la bufala, bastava fare 1 + 1….e se tu, caro V-V non riesci nemmeno a fare 1+1 bè…non è che te la devi prendere con me che non ci sono cascato! Se sei un coglionazzo, caro V-V, non è colpa mia!

Ora caro V-V come la mettiamo con chi non può vaccinarsi? Perchè ci sono anche quelli caro V-V! Poniamo che i tuoi amichetti Speranza & Draghi mettano l’obbligo del pass anche per lavorare, come la mettiamo con chi non può vaccinarsi? Eh? Li licenziamo tutti? Li accoppiamo ad Auschwitz? A Dachau? A Treblinka? A Bergen Belsen? A Terezin?

Ti piacciono queste immagini caro Vaccinato Volontario? Sai come è stato possibile arrivare a questo caro Vaccinato Volontario? Con l’indifferenza e con la credulonia, la più pericolosa di tutte le coglionaggini! Si è arrivati a questo perché milioni di persone hanno creduto nella STESSA supercazzola in cui hai creduto tu, caro Vaccinato Volontario! Leggi qua V-V:

Cdm: no obbligo di mascherina in classe se tutti studenti vaccinati

È fatto obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai sei anni, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, per i soggetti impegnati nelle attività sportive. Le linee guida possono derogare all’obbligo di mascherina se alle attività partecipano solo studenti vaccinati o guariti” 

Ora caro V-V è venuto il momento di fare 1+1, vedrai non è difficile. Pensa a una classe di vaccinati di cui uno solo non è vaccinato, per colpa di quell’unico non vaccinato tutti gli altri devono portare la mascherina, come credi che reagirà la classe nei confronti dell’unico non vaccinato? Pensi che gli mostreranno solidarietà e tutti quanti si metteranno la mascherina giulivi e contenti? Io penso di no caro Vaccinato Volontario, io penso che prenderanno il non vaccinato e lo butteranno fuori dall’aula con un calcio nel culo!

E non mi venire a dire, caro Vaccinato Volontario, che se ha una patologia non succede niente perchè:

  1. deve mettere in piazza i suoi problemi di salute e tanti saluti alla privacy!
  2. lo butteranno fuori dalla classe ugualmente perchè non vogliono uno in classe che, indipendentemente dal motivo, li obbliga alla mascherina!

Cominci un pò a ragionare sugli effetti incontrollati che le discriminazioni generano, CARO VACCINATO VOLONTARIO? COMINCI UN PO’ A CAPIRE A COSA CAZZO ANDREMO INCONTRO CARO VACCINATO VOLONTARIO?????