Su Radio24 il buon Simone Spetia ha lanciato una specie di sondaggio basato sulla domanda “qual’è la prima cosa che farai dopo che sarà finita l’emergenza corona virus “. Chi ha risposto “farò una bella gita fuori porta”, chi ha detto andrò al ristorante; la risposta piu gettonata è sembrata essere “andrò al bar”.


Come se nulla fosse successo!

Come se bastasse dire “ora che l’emergenza è passata potete riaprire le vostre attività” e d’incanto tutto si rimetterà in moto, tutto riprenderà come prima. Purtroppo non sarà cosi, tanti esercizi commerciali, lasciati senza reddito da questo imbelle governo dai mille annunci ma zero sostanza, non riapriranno; molti salariati che avranno perso il lavoro per colpa di questo imbelle governo dai mille annunci ma zero sostanza, avranno come priorità, quando questa “emergenza” sarà finita, quella di trovarsi un nuovo lavoro, quello che questo paese dovrà fare, DOPO, sarà quello di risollevarsi dal Day After economico innescato da un governo di IDIOTI capeggiato da un presidente del consiglio malato di mente, un poveretto che fa conferenze stampa SU FACEBOOK di NOTTE per spiegare quanti 1+n bambini le mamme possano portate a spasso!


E il “giornale unico”, tutto il coacervo di testate sia di sinistra che di destra, pende dalla labbra di questo pazzo forsennato, addirittura una giornalista del Fatto Quotidiano, la più grande fabbrica di fake news che sia mai esistita, è arrivata perfino a dire a Conte: “le faccio una domanda ma se non vuole rispondere vuol dire cho ho sbagliato io”, roba da pazzi , un grado leccaculismo tale che nemmeno il più accondiscendente giornalista della Pravda ha mai raggiunto!
Più passano ok i giorni, più questa emergenza si rivela per quello che è, un pazzesca e mortale BUFFONATA! Non ci vuol molto per rendersene conto.

Prendiamo per esempio il dato di Hong Kong:

• Nessun lockdown
• 4° stato al mondo per densità di popolazione
• 7,5 milioni di abitanti
• 850 casi
• 4 morti

Questa è la realtà su cui abbiamo CANCELLATO la fragilissima ripresa che si stava avviando, questa è la realtà su cui abbiamo affossato l’economia di questo paese, questa è la realtà su cui il presidente del consiglio italiano Giuseppe “Giuseppy” Conte, un uomo malato di protagonismo schizofrenico, ha condannato a morte l’Italia e gli italiani che, dal canto loro, hanno abboccato come pesci alle parole di questo folle!

Penso ai giornali e alle CAZZATE che hanno raccontato e raccontano, penso agli “esperti virologi” che hanno detto tutto e il contrario di tutto lasciando, come unica certezza, il fatto che non hanno capito nulla non solo di questo virus, ma di come riconoscere e gestire una VERA PESTILENZA da un SEMPLICE RAFFREDDORE e dare consigli adeguati al caso REALE.

Penso a quelli, salariati o partite IVA, che saranno in difficoltà economica.

Penso a quelli che come me sono riusciti a lavorare perché la loro azienda rientra nella FOLLE lista di chi può rimanere aperto e quale mercato riusciranno a mantenere il Giorno Dopo.

Penso a tutta questa pandemica pazzia nata da un virus letale per lo 0,00005%

… e penso che dopo, alla fine di questa madornale MINCHIATA, manterrò la mascherina e la distanza sociale, perché il vero virus, quello della STUPIDITÀ, sarà ancora nell’aria, sarà ancora nel sangue della gente ed è un virus contagioso, contagiosissimo, e non voglio beccarmelo, non voglio diventare come quel signore che crede di essere Churchill, Xi Jinping e chissà chi altro, chissà quante altre personalità albergano nella sua mente malata!