Questa è una nazione pazza? Talmente pazza, quasi da risultare credibile. Eppure basta introdurre un sistema analogo: cambiare tutto perché non cambi niente (Gattopardo).
L’istituto pensionistico non cambierà  – sostanzialmente – differenziandosi troppo da quello attuale. Semplicemente le pensioni verranno pagate con i soldi del Monopoli.
Verrà istituita una sorta di moneta parallela, tipo i buoni pasto e i buoni benzina, con cui pagare i beni di prima necessità e servizi pubblici, verrà accreditata solo una piccola parte di pensione in valuta corrente e verrà fornita una speciale Social Card Pensione per altre spese.
Il sistema ha enormi vantaggi, facili da comprendere: si presta a infiniti giochi politici, intrallazzi ed è flessibile. Più flessibile delle tariffe della telefonia mobile (dove in assoluto non sai mai quanto paghi davvero, appena la capisci è già pronta una nuova formula).
Geniale, impossibile lasciarsela sfuggire per gestire il sistema pensioni. La vedremo prossimamente su questi schermi?

Cari Drughi cosa ne pensate?

Previous articleC’è qualcuno qui in Ora Zero che li ama e li difende.
Next articleMafia-Capitale?….No, piuttosto la capitale della Mafia!
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.