Eliminare il contante è una titanica, gigantesca, gargantuesca presa per il culo e sesquipedale stronzata, un sopruso, un atto ostile che nessuno accetterà da nessun Governo. E la Lotteria 2020 è una utopia bizantina, roba che mi ricorda la Megali Idea.

Ma viviamo in una dittatura? Eh, ci può stare…

Ma è pur vero che in questo decadente Occidente di galattica confusione della civiltà, spesso arriva in modo ciclico un furbetto che propone l’abolizione del contante. Arriva QUELLO pieno di buone idee, intenzioni, giustificazioni che apparentemente sembrano essere ineccepibili, ma come al solito sono più ciechi di una talpa piteca. Mah, che volete farci, in Colonitaly si trova di tutto al mercato.

Ovviamente QUELLO in questione trova subito qualcuno che gli dà ragione a livello istituzionale. Secondo QUELLO abolendo il contante e passando a meccanismi di pagamento elettronico non ci sarebbe più nessuna possibilità di evadere le tasse. Ovviamente QUELLO convince il sistema che abolendo il contante, immediatamente si genera in modo virtuoso un recupero del gettito, questo meccanismo poi genera una veloce diminuzione delle tasse grazie al recupero del gettito.

Colonitaly sbava, aboliamo il contante, magari siamo i primi che aboliamo il denaro direttamente, dopo la inutile e costosa introduzione della fattura elettronica. Magari insieme al vostro ultimo residuo di libertà.

Quindi approdiamo ad una Colonitaly dove tutto si paga con la carta di credito o con altri dispositivi, magari vi garba pagare con lo smartphone come fanno già in molte Nazioni.

Provate a mettervi nei panni di una persona che si alza la mattina, esce di casa, arriva a destinazione ma il telefono non funziona. Apparentemente morto. Quante volte vi è capitato di: avere il telefono morto, di voler pagare ma la carta non si collega al sistema bancario anche se avete crediti mirabolanti, per 1000 motivi carta o telefono non si collegano alla banca e siete tagliati fuori dal mondo civile. Io spesso all’estero viaggiando ho avuto questi problemi, telefono o carta non funzionano. E magari siete in un momento delicato. Mi è capitato, non lo auguro a nessuno. Nemmeno al mio peggior nemico. Da stronza però mi porto sempre dietro soldini in carta, accettati OVUNQUE E SUBITO. MA TU GUARDA IL CASO.

Quando i dispositivi elettronici non funzionano puoi salvarti solo con COLD MONEY, quando sei in merda e nessuno può aiutarti (carta e telefono non funzionano), nessuno ti vede e non sei nemmeno geo-localizzabile, quando il sistema non funziona diventi preda del primo aguzzino che incontri. Io ci sono passata, e non è simpatico. Si viene depredati di tutto, cosa molto simpatica da vivere sulla propria pelle. Ci sono passata, momenti indimenticabili. Se viaggi in solitaria poi fidati, i ricordi del viaggio te li tieni per te e non li condividi.

Puoi chiamare un servizio di emergenza ma che funziona a determinati orari e giorni, e ti ritrovi ferma alla stazione di polizia locale, dove chiedi aiuto ma ti vedono solo come criminale.

Ma ci sono altri fottuti casi dove magari il telefono non funziona volutamente e non è un guasto accidentale. Non funziona perché sei stato segato, sei una persona ostile alle autorità, sei una persona che va eliminata perché sei un fastidio al Governo di turno.

Sei fottuto e diabolicamente morto. Un emarginato di cui il sistema non si occuperà, perdi in un attimo la tua identità, i tuoi diritti: sei stato cancellato dal sistema.

Hanno tremendamente voglia di farlo, ci saranno vittime, ma per il popolo e per i piccoli commercianti nessuno sconto fiscale può giustificare questo rischio, meglio pagare dazio che correre rischi estremi. Paga l’ennesimo dazio a Colonitaly, ma non renderti schiavo, stanno davvero esagerando.

Preparatevi a combattere guerre epiche, potreste ritrovarvi ad essere poveri in pochi secondi quando meno ve lo aspettate, senza la possibilità di comunicare con qualcuno, bloccati e indifesi. Avete in tasca i pochi soldi che qualche volta vi portate appresso. Carte di credito, telefono, bancomat e home banking non funzionano. E rilassatevi che la prima notte la passa in stazione.

Ora chi si occuperà di QUESTO sfigato di turno? Nessuno si occuperà di QUESTO sfigato! Siete cancellati dal Vostro Sistema. Magari avete tutte le credenziali ma nessuno si fida.

Dovete trovarvi nella situazione reale di essere esclusi dalla società, in un incubo senza fine, magari scagionati dalle accuse ma reclusi per anni. E rientrati in patria dopo anni sarete esclusi da ogni tessuto sociale. Un circuito che vi divora e vi sfianca. Siete un senza VITA, che potrebbe capitare a molti. Ringraziate QUELLO che ha abolito il contante.

Fategli un monumento da parte mia, con applausi e ringraziamento. Alessia C. F. (ALKA)

Previous articleCommercio estero extra Ue ad Agosto 2019, esportazioni +0,7%
Next articleQuella spumeggiante merda onda valanga verde che mi investe, manuale di sopravvivenza
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.