Per oltre un anno, una ricerca intensiva condotta da esperti di salute ha portato alla luce crescenti preoccupazioni circa l'”Antibody-Dependent Enhancement” (ADE), un fenomeno in cui i vaccini rendono la malattia molto peggiore, perché innescano nel sistema immunitario una reazione eccessiva potenzialmente mortale.

L’ADE è ben noto che si verifica con i vaccini contro i coronavirus che sono stati testati negli esperimenti sugli animali. La grande domanda è se emergerà nei miliardi di persone che sono state vaccinate in tutto il mondo.

Secondo OurWorldInData.org, il 31,7% della popolazione mondiale è stata vaccinata con uno o più vaccini contro i coronavirus al 21 agosto 2021. Sono circa 2,4 miliardi di persone, e ognuno di loro ha preso un trattamento medico non provato, sperimentale e potenzialmente mortale, forse il più grande esperimento mai condotto sull’umanità.

Ma quante di queste persone moriranno a causa di eventi avversi al vaccino, incluse le ADE?

Bene, un nuovo documento scientifico pubblicato nel Journal of Infection sembra fornire prove solide che i vaccini contro il Covid-19 somministrate in tutto il mondo causeranno, senza dubbio, effetti ADE nelle persone quando sono esposte alla variante Delta o potenzialmente ad altri ceppi di coronavirus.

Lo studio è intitolato “Gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 che favoriscono l’infezione riconoscono sia il ceppo originale Wuhan/D614G che le varianti Delta https://www.journalofinfection.com/article/S0163-4453(21)00392-3/fulltext. Un rischio potenziale per la vaccinazione di massa e spiega che mentre le iniezioni attuali possono fornire un certo livello di immunità contro il presunto virus covidico originale, presentano uno sfortunato effetto collaterale – L’accelerazione di “anticorpi che potenziano l’infezione” che reagiscono in modo eccessivo alle infezioni della variante Delta.

Quello che l’articolo descrive è un classico ADE, ovvero che una reazione iperinfiammatoria può uccidere la persona vaccinata perché il suo sistema immunitario “innescato” reagisce eccessivamente alle nuove infezioni.

Lo studio conclude: “L’ADE delle varianti delta è un rischio potenziale per i vaccini attuali”, e continua a spiegare il meccanismo con cui questa ADE sta emergendo – Utilizzando approcci di modellazione molecolare, dimostriamo che gli anticorpi potenzianti hanno una maggiore affinità per le varianti Delta che per gli NTD Wuhan/D614G. Mostriamo che gli anticorpi potenzianti rafforzano il legame del trimero del picco alla membrana della cellula ospite bloccando l’NTD ai microdomini della zattera lipidica… gli anticorpi facilitanti mostrano un’affinità sorprendentemente aumentata. Così, l’ADE può essere una preoccupazione per le persone che ricevono vaccini basati sulla sequenza originale del ceppo Wuhan spike (sia mRNA che vettori virali).

Il documento continua a suggerire che i vaccini originali dovrebbero essere scartati e sostituiti con nuovi vaccini di “seconda generazione” che sono progettati per attaccare i bersagli antigenici della variante Delta, ma anche questa soluzione sarebbe sciocca perché se il virus Covid-19 esiste davvero, allora il virus muterà sempre in una nuova forma ed eluderà i vaccini attuali in offerta, non importa quante iniezioni vengono somministrate alla popolazione mondiale.

Solo l’immunità naturale potrebbe mettere fine a questa presunta pandemia, perché i vaccini attualmente in vigore non impediscono l’infezione e non impediscono la trasmissione https://dailyexpose.co.uk/2021/08/03/sage-document-admits-the-c19-vaccines-will-lead-to-a-variant-that-kills-35-of-people-because-the-vaccines-do-not-prevent-infection-or-transmission/

Con miliardi di persone già iniettate, i risultati di questo studio scientifico suggeriscono che è perfettamente plausibile che miliardi di persone potrebbero morire a causa di ADE o di altri effetti devastanti causati dai vaccini Covid-19 come i danni vascolari della proteina spike, e le prove del Public Health England mostrano che sta già cominciando ad accadere nel Regno Unito https://dailyexpose.co.uk/2021/08/20/latest-public-health-england-report-reveals-the-covid-jabs-dont-work-as-the-fully-vaccinated-account-for-21-percent-of-covid-infections-but-58-percent-of-all-deaths/

Secondo il rapporto https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/1012644/Technical_Briefing_21.pdf dal 1 febbraio 2021 e il 15 agosto 2021 ci sono stati 390 morti tra la popolazione non vaccinata, un aumento di 137 rispetto all’ultimo conteggio fatto nel rapporto precedente dove la cifra confermata era 253 fino al 2 agosto 2021. Questo equivale allo 0,2% di tutte le infezioni confermate tra la popolazione non vaccinata, in linea con il tasso di mortalità medio visto dall’inizio della presunta pandemia di Covid-19.

Tuttavia, fino al 15 agosto 2021 la popolazione completamente vaccinata ha subito un totale di 679 morti. Questo è un aumento di 277 rispetto al rapporto precedente, dove la cifra confermata era di 402. Equivale anche allo 0,9% di tutte le infezioni confermate tra la popolazione completamente vaccinata. Questo suggerisce che il vaccino Covid-19 aumenta effettivamente il rischio di morte di almeno il 338% piuttosto che ridurre il rischio di morte del 95%.

Questo è quello che stiamo vedendo nel bel mezzo dell’estate, ma l’inverno è solo dietro l’angolo e le prove che suggeriscono che sarà un duro è schiacciante.

Tradotto da Alessia C. F. (ALKA)