Il 7 novembre Il primo ministro britannico Rishi Sunak è stato fatto uscire di corsa dalla stanza dai suoi collaboratori durante la conferenza COP27 in Egitto https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/world/prime-minister-of-uk-urgently-rushed-out-of-conference-by-aids.
Sempre ieri l’esercito americano ha trasmesso 11 messaggi di emergenza (EAM) alle forze statunitensi in tutto il mondo. Di solito non succede mai. Quindi qualcosa qualcosa di grosso è successo. Girano parecchie chiacchiere in merito a un “sottomarino britannico” che ha subito un incendio https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/world/eleven-11-emergency-action-messages-transmitted-to-us-military-today.

https://www.telegraph.co.uk/news/2022/11/07/royal-navy-nuclear-armed-submarine-forced-abort-mission-catching/

Previous articleCome vengono viste le elezioni americane in Russia
Next articleDoug Casey ed il piano del WEF per l’umanità e cosa succederà poi
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)