Un recente studio ha rivelato il legame tra i vaccini contro il coronavirus e lo scioccante numero di decessi di atleti dall’inizio della diffusione del vaccino.
L’indagine sulle statistiche ufficiali condotta dal team di GoodSciencing.com ha rilevato che il numero di atleti morti dall’inizio del 2021 è aumentato in modo esponenziale, raggiungendo un enorme 1.700% in più rispetto alla media mensile tra il 1966 e il 2004.
Inoltre, l’attuale tendenza per il 2022 mostra che il numero di decessi potrebbe aumentare fino al 4.120% se continuerà ad aumentare, con il numero di decessi nel solo mese di marzo che è stato tre volte superiore alla precedente media annuale.

Il totale del 2021 equivale a 394 morti, 14 volte superiore alla media annuale dal 1966 al 2004, mentre il totale da gennaio ad aprile è di 279 morti, 9,96 volte superiore alla media annuale dal 1966 al 2004.
Tra il 1966 e il 2004, il numero medio mensile di decessi è stato pari a 2,35, mentre tra gennaio 2021 e aprile 2022 la media mensile è di 42 decessi. Si tratta di un aumento del 1.696%.
“L’aumento è stato osservato durante l’introduzione del vaccino sperimentale che si presumeva proteggesse dalla malattia COVID-19, ma che invece ha causato danni incalcolabili al sistema immunitario e problemi cardiovascolari“, si legge nel documento pubblicato su Global Research.

Il lavoro includeva 566 pazienti che avevano ricevuto i vaccini Pfizer o Moderna e che avevano mostrato segni di danni cardiovascolari dopo la seconda iniezione. Il rischio di infarto o di altri gravi problemi coronarici è più che raddoppiato mesi dopo la somministrazione dei vaccini, sulla base dei cambiamenti nei marcatori dell’infiammazione e del danno cellulare. (Correlato: Uno studio israeliano collega i vaccini COVID-19 all’insufficienza cardiaca nei giovani adulti).

Esposta la correlazione tra l’mRNA e le iniezioni adenovirali e la mortale malattia cerebrale.
Uno studio francese pre-print sui vaccini contro il coronavirus ha suggerito un legame tra i vaccini e la malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD), una patologia cerebrale rara e fatale.
La ricerca, disponibile sul sito web di pubblicazione Research Gate, afferma che i vaccini di Pfizer, Moderna e AstraZeneca potrebbero aver contribuito alla comparsa di un nuovo tipo di CJD sporadica, molto più aggressiva della forma tradizionale della malattia.
Quando le informazioni del gene della proteina spike della variante COVID-19 sono state trasformate in un vaccino come parte di vaccini a mRNA e a DNA adenovirale, è stata incorporata anche la regione del prione.

“Dopo l’assunzione del vaccino a base di mRNA di Pfizer o Moderna, l’mRNA viene naturalmente incorporato nelle cellule della persona, che utilizzano le istruzioni dell’mRNA per produrre una proteina spike sintetica. In questo modo le cellule credono di essere state infettate e creano una memoria immunologica contro un componente del coronavirus”, si legge nel documento.
Per AstraZeneca, che utilizza una piattaforma di vettori adenovirali, il DNA della proteina spike viene trasportato nella cellula attraverso un vettore adenovirale e poi nel nucleo, dove è immagazzinato tutto il DNA umano. Il DNA viene quindi trascritto in mRNA e trasformato in proteina spike.

Sebbene le principali organizzazioni sanitarie affermino che il materiale genetico dei vaccini non viene incorporato nel DNA umano, gli studi sull’mRNA condotti in laboratorio su cellule umane hanno dimostrato che l’mRNA può essere trascritto in DNA e quindi incorporato nel genoma umano.
È triste dirlo, ma il processo biologico di traduzione delle informazioni dell’mRNA in proteine non è immune da errori. Pertanto, può verificarsi un errato ripiegamento delle proteine.
La MCJ è causata da anomalie in una proteina presente nel cervello, chiamata prione. Le proteine presenti in natura sono solitamente innocue, ma quando si ripiegano in modo errato, causano la deformazione dei prioni vicini, che può portare alla distruzione del tessuto cerebrale e infine alla morte. I sintomi possono essere simili a quelli di altri disturbi cerebrali simili alla demenza, come il morbo di Alzheimer.

La malattia è incurabile, poiché una volta che un prione viene infettato, continua a propagarsi ad altri prioni. Attualmente non esiste un trattamento in grado di arrestarne il decorso.

https://www.naturalnews.com/2022-06-09-covid-vaccines-linked-to-athletes-deaths-increase.html

Previous articleL’Australia Meridionale dichiara l’emergenza climatica in vista dei prossimi climate lockdowns
Next articleDoug Casey: “Perché le aziende più sveglie andranno in rovina”.
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.