Gli esperti hanno definito il 22 luglio “il giorno dell’apocalisse”, quando la Russia potrebbe interrompere del tutto le forniture di gas alla Germania e all’Europa attraverso il Nord Stream 1… Ecco l’articolo in merito.

Il 22 luglio scade la revisione annuale di 10 giorni del gasdotto Nord Stream 1 da parte della Russia.
E i peggiori timori che il regime di Mosca usi questo come scusa per tagliare completamente le forniture di gas all’Europa sembrano essere confermati anche prima di quella data.
Secondo un rapporto della Reuters, Gazprom ha informato almeno uno dei suoi clienti che la società ha dichiarato la forza maggiore.
La “forza maggiore” è una clausola che può essere invocata tra le parti contraenti in caso di mancato rispetto dell’accordo.
La forza maggiore è una situazione che non può essere controllata dai soci e quindi li esonera dalla responsabilità.

La Reuters scrive: “Il monopolio russo delle esportazioni di gas Gazprom ha dichiarato la forza maggiore sulle forniture di gas all’Europa da parte di almeno uno dei principali clienti a partire dal 14 giugno, secondo una lettera visionata da Reuters”. La lettera è datata 14 luglio, un mese dopo l’inizio della causa di forza maggiore, e cita “circostanze straordinarie” al di fuori del controllo di Gazprom.

Bloomberg conferma queste informazioni e sostiene che almeno tre clienti di Gazprom hanno ricevuto tali lettere di forza maggiore. A quanto pare, la “forza maggiore” è legata alla turbina Nord Stream 1, che è stata bloccata dal Canada a causa delle sanzioni e senza la quale non è possibile consegnare il gas. Anche la società tedesca Uniper ha confermato di essere stata informata da Gazprom della sospensione delle forniture di gas. La Germania si sta preparando da tempo al terribile shock di un’interruzione totale delle forniture di gas dalla Russia.

Non è ancora chiaro se la misura di Gazprom interesserà tutta l’Europa o solo la Germania.
Secondo le fosche previsioni degli economisti dell’istituto finanziario svizzero UBS, gli effetti sarebbero drammatici se la Russia tagliasse il gas a tutta l’Europa. Ad esempio, l’euro verrebbe improvvisamente svalutato del 10%.
Tuttavia, la vera guerra è appena iniziata. È la guerra economica, che promette di essere molto più devastante della guerra militare in Ucraina.

UE – Mentre voi siete distratti da notizie isteriche sul clima, il vero calore (o la sua mancanza) sta arrivando in Europa. Gazprom ha emesso un avviso di forza maggiore sulle forniture di gas. Ciò significa che… non ce ne saranno! Questa è una grande notizia.

Previous articleIN EURASIA, LA GUERRA DEI CORRIDOI ECONOMICI È IN PIENO SVOLGIMENTO
Next articleLA RUSSIA HA BISOGNO DI NUOVE PERSONE IN TEMPI DI GUERRA. BY Alexander Dugin
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)