All’ONU, gli EAU si sono astenuti dal votare contro la Russia. Anche per quanto riguarda le sanzioni contro la Russia, entrambi i Paesi – come ha annunciato il ministro degli Esteri russo – si sono rifiutati di seguire la guida degli Stati Uniti. Mentre gli Stati Uniti sono al fianco dei loro despoti in tutta la regione, i Paesi del Golfo sono ancora arrabbiati per il fatto che l’ex presidente Barack Obama abbia permesso che i governanti egiziani e tunisini venissero rovesciati.
I Paesi arabi hanno rifiutato le pressioni statunitensi per aumentare la produzione di petrolio durante la crisi energetica seguita all’invasione russa dell’Ucraina. Gli alti prezzi del petrolio servono agli scopi di MbS, che ha grandi progetti interni esorbitanti e avventure estere nella regione da pagare, specialmente nello Yemen. Il prezzo del petrolio è un ingrediente chiave nelle relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita e Biden ha appena capito che deve cambiare rotta nelle relazioni tra i due Paesi.

Il principe ereditario saudita MBS ride in faccia a Biden mentre implora lo Stato “paria” di avere più petrolio di Kyle Becker15 luglio 2022.
https://rumble.com/v1cex1l-saudi-crown-prince-mbs-laughs-at-biden-to-his-face.html

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto il tour dell’umiliazione in Arabia Saudita venerdì come già qua avevo già previsto il 15 luglio.

Joe Biden doveva andare da MBS in ginocchio affinché il regno aumentasse la produzione per compensare le sue disastrose politiche energetiche in patria. A proposito di ottica, c’è stata una differenza lampante tra il modo in cui l’ex presidente Donald Trump è stato trattato durante la sua visita all’estero in Arabia Saudita all’inizio della sua presidenza, e il modo in cui è stato accolto Joe Biden.
In sostanza, l’inginocchiamento del Presidente Biden nei confronti dei sauditi non è solo umiliante, ma del tutto inutile.

Pensiamo che il Texas sia molto più vicino dell’Arabia Saudita”, ha dichiarato a Fox News Digital Anne Bradbury, amministratore delegato dell’American Exploration and Production Council. “E il Presidente Biden non ha bisogno di viaggiare per mezzo mondo alla ricerca di soluzioni a questa crisi energetica quando la soluzione è proprio qui a casa”.
“Se l’amministrazione è seriamente intenzionata ad aumentare l’offerta, dovrebbe incontrare i produttori qui in patria invece di rivolgersi ai governi d’oltreoceano”, ha aggiunto Christina Noel, portavoce dell’American Petroleum Institute.

La parodia russa sulla vicenda è feroce: https://www.anti-spiegel.ru/2022/joe-bidens-pleite-in-saudi-arabien-und-neue-skandale-um-hunter-biden/
“Se vuole davvero affrontare la crisi energetica degli Stati Uniti e battere l’inflazione, tutto ciò che deve fare è venire da noi in Oklahoma o in Texas e parlare con i nostri produttori di petrolio per aumentare la produzione, ma non lo fa”, ha detto il membro del Congresso Markway Malin. Per tenere sotto controllo i prezzi della benzina, gli Stati Uniti hanno attinto alle proprie riserve strategiche. Vengono svuotati così rapidamente che le scorte di petrolio raggiungeranno il minimo storico in autunno. A quanto pare, non tutto va al mercato interno.
“Joe Biden sta prelevando milioni di barili di petrolio dalle nostre riserve strategiche e li sta vendendo ai cinesi. E l’accordo riguarda una società cinese in cui Hunter Biden aveva, forse ha ancora, un interesse finanziario”, ha affermato il membro del Congresso Jim Jordan.
Biden Junior aveva interessi commerciali in molti paesi. Soprattutto in quelle di cui era responsabile suo padre, allora vicepresidente nell’amministrazione Obama. I giornalisti hanno contato decine di incontri tra il politico e i soci in affari di suo figlio. Il numero di discutibili transazioni finanziarie Biden scoperte dalle banche statunitensi è di centinaia. I senatori non possono ottenere chiarimenti né dal Dipartimento del Tesoro né dal Dipartimento di Giustizia.
“Il Dipartimento di Giustizia non può fornire trasparenza nel procedimento penale di Hunter Biden. Abbiamo contattato il procuratore generale del Delaware che è incaricato delle indagini, ma non hanno avuto risposta. Tutto questo offusca il caso. Mi chiedo cosa stia cercando di nascondere il Dipartimento di Giustizia?” si è chiesto Chuck Grassley, senatore degli Stati Uniti al Congresso.
I record sul computer, che Hunter ha dimenticato di riparare alcuni anni fa, hanno contribuito a far luce sugli affari oscuri di Biden Junior. I giornalisti lo hanno soprannominato il laptop dell’inferno. 

E la UE+NATO pensano davvero di vincere la guerra contro la Russia, quando gli stessi USA mendicando umiliandosi?
Sempre Comunque Ovunque Alessia C. F. (ALKA)

Previous articleCaitlin Johnstone: Questa guerra per procura non ha una strategia di uscita
Next articleHenry Kissinger: “Ci sono tre possibili esiti per questa guerra”
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.