Il discorso di Ursula von der Leyen mostra cosa sta per accadere agli Stati membri dell’UE: una massiccia espansione di potere e autorità della Commissione europea. Bruxelles sta rafforzando tutti gli aspetti della vita economica e sociale europea, a spese della sovranità nazionale. Vogliono creare gli Stati Uniti d’Europa dove gli stati non hanno più potere e sovranità. Ormai siamo arrivati a “USE o Boom”.

Von der Leyen chiede un meccanismo europeo per legiferare, per garantire il primato del diritto dell’UE sul diritto nazionale degli Stati membri dell’UE. Gli Stati membri che rifiutano di conformarsi alle norme, subiranno grosse sanzioni finanziarie. Chiede un cambiamento delle regole affinché la Commissione europea possa agire senza il consenso unanime degli Stati membri dell’UE. Vuole costruire una forma centralizzata, non democratica, affinché i parlamenti nazionali non abbiano più rilevanza. Mi sa che presto rimpiangeremo il suo predecessore (Jean-Claude Juncker).

Dopo la solita manfrina riciclata: programma per fermare i cambiamenti climatici, fiscalità e migrazione. Bellamente chiede di trasferire la sovranità nazionale ai burocrati non eletti di Bruxelles (ovviamente i nostri poLLitici italiani non vedono, non sentono, non parlano). Von der Leyen ha sempre accarezzato il sogno di un super stato europeo. Vorrebbe per il 2050 una UE “carbon neutral”, crede nel “Green Deal europeo”, prontamente ha parlato del “Piano di investimenti per un’Europa sostenibile” che verrà pagato dai contribuenti europei.

Come se non bastasse, Von der Leyen vorrebbe introdurre un “Sistema europeo di garanzia dei depositi” e un “Unione bancaria” (ben inteso, per lei significa che le banche saranno responsabili dei loro fallimenti e ci rimetteranno i cittadini che avevano i loro soldi in queste banche). Si prosegue con un’assicurazione europea per la disoccupazione e una nuova “legge europea comune in materia di asilo”, in questo ultimo caso “ognuno deve aiutarsi a vicenda e contribuire con qualcosa”.

Last but not least, la creazione di un esercito europeo da completare entro i prossimi 5 anni. Senti Von der Leyen e capisci al volo che il Brexit è certo e sicuro. Ora non ho più dubbi. Con discorsi del genere UK scappa a gambe levate.

Nigel Farage ha commentato le richieste di Ursula, per lui è un tentativo di assumere il controllo totale della UE sotto ogni aspetto, un moderno comunismo che annulla i parlamenti degli Stati nazionali, del resto per creare gli USE devi rendere gli Stati nazionali irrilevanti. Farage ammette che la Von der Leyen ha reso più popolare la Brexit nel Regno Unito.

Alessia C. F. (ALKA)

Previous articleRIPARTE LA GARA DELLE ARMI ATOMICHE: GLI USA VOGLIONO CIRCONDARE LA CINA DI MISSILI
Next articleFRANCESI IN RIVOLTA CONTRO LA FIRMA DEL CETA, GILET GIALLI SCATENATI
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.