Canzone dei Green Day. https://www.youtube.com/watch?v=GRCm6D1YJno . E settembre arriva. Anche oggi a briglia sciolta e senza regola.
A volte lo schifo raggiunge livelli che nemmeno vanno spiegati. Commentate tutto da soli. Siete grandi e vaccinati… ehm spero non troppo vaccinati!!

Ecco chi c’è all’ombra del tendone senza nessun pudore

E cosa devono affrontare? Nulla che possano risolvere.

https://www.zerohedge.com/geopolitical/russia-raise-dugina-assassination-emergency-un-meeting-tuesday << Russia plans to raise the assassination of Darya Dugina at a United Nations Security Council (UNSC) emergency meeting set for Tuesday. The session is expected to focus on the ongoing crisis and standoff at the Zaporizhzhia nuclear power station, which has come under fresh shelling that damaged transformers at the site, which Ukraine has blamed on Russia. There’s growing alarm of a ‘Chernobyl-like’ catastrophic event.
Russia’s deputy ambassador to the UN, Dmitry Polyanskiy, confirmed that Russia is seeking the UNSC emergency session, but said Russia will also highlight and condemn this latest in a series of “Ukrainian provocations” targeting civilians on Russian territory – after on Monday the FSB (Federal Security Service) claimed to have identified a Ukrainian operative behind the Dugin car bombing.>>

Sempre geniali le classi dirigenti polacche…

Polonia e Paesi Baltici, sempre più vicini al mirino russo.

Previous articleLa guerra multidimensionale con l’Occidente, la crisi globale e le ritorsioni della Russia
Next articleOn-site Reporting. BY Albert Nextein. Video dalla Piazza. Nessuno può fermare la verità e la libertà. Parola a Davide Rossi
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)