Dopo aver fallito nel bloccare l’acquisto da parte della Turchia dell’avanzato sistema di difesa aerea russo S-400, la diplomazia di Washington negli ultimi mesi sembra essere riuscita a “girare” il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a sostegno degli interessi statunitensi in diversi paesi critici, dalla Libia all’Armenia all’Ucraina, persino in Afghanistan. Con l’economia turca sull’orlo della catastrofe, mentre la lira precipita, sembra sempre più che i cinici strateghi di Washington potrebbero aver semplicemente attirato l’astuto Erdogan in una trappola mortale.

Il presidente turco Erdogan è stato definito un maestro nel giocare da tutte le parti a suo vantaggio, un camaleonte politico che è passato da Washington e dalla NATO, di cui la Turchia è un membro vitale, alla Russia e all’Iran e anche alla Cina.

Nel 2016 ha accusato la CIA di essere dietro un tentativo di colpo di stato per assassinarlo e portare al potere le reti controllate dalla CIA dell’esiliato Fethullah Gülen, poiché Washington ne aveva abbastanza dei salti mortali di Erdogan. Il colpo di stato è fallito e i rapporti parlavano di intercettazioni dei servizi segreti russi che hanno salvato la vita di Erdogan. Dopo di che, le relazioni con Mosca migliorarono notevolmente. Nel novembre 2015 la Russia aveva imposto un severo divieto di viaggio in Turchia dei turisti russi e un divieto sulle importazioni di cibo turco come ritorsione per l’abbattimento di un jet turco all’interno del territorio siriano, un atto di guerra. Le sanzioni russe hanno colpito profondamente l’economia turca.

Poi Erdogan ha iniziato uno spostamento verso Mosca. Nel 2017 la Turchia ha ignorato le ripetute proteste di Washington e della NATO e ha accettato di acquistare l’avanzato sistema missilistico di difesa aerea russo S-400, che si dice sia il più avanzato al mondo. Allo stesso tempo la Russia ha iniziato la costruzione del primo dei due gasdotti del Mar Nero verso la Turchia, TurkStream nell’ottobre 2016, allontanando ulteriormente Ankara e Washington.

Crisi della lira del 2018

Nel 2018 le relazioni tra Washington e Ankara erano diventate tese, per usare un eufemismo. Le tre grandi agenzie di rating statunitensi, Fitch, Moody’s e S&P hanno tutte declassato il debito sovrano della Turchia a “spazzatura”, citando le recenti mosse politiche ostili di Erdogan. Il risultato fu una caduta libera della lira che costrinse la Banca centrale ad aumentare bruscamente i tassi di interesse e a strangolare la crescita economica nel processo. Ad agosto 2018 gli Stati Uniti stavano anche imponendo sanzioni economiche alla Turchia chiedendo il rilascio di Andrew Brunson e di altri cittadini statunitensi accusati di spionaggio per conto del tentativo di golpe di Gülen del 2016. Le esportazioni turche di acciaio e alluminio sono state colpite da tariffe statunitensi raddoppiate mentre l’inflazione aumentava. Una promessa del Qatar, alleato di Erdogan e compagno dei Fratelli Musulmani, di investire 15 miliardi di dollari in Turchia è riuscita a calmare la crisi e una successiva visita di Erdogan a Pechino ha assicurato altri miliardi di aiuti cinesi. Il ministro degli esteri turco ha accusato “potenze straniere” di essere dietro la crisi della lira per ragioni politiche.

Dopo una perdita shock della roccaforte politica chiave del posto di sindaco di Istanbul nel 2019, Erdogan ha chiaramente cercato di migliorare la sua “utilità” per l’Occidente, soprattutto per Washington. Affronta importanti elezioni nazionali nel 2023 e potrebbe essere in pericolo di perdere la sua presa se l’economia continua a cadere. Sia Donald Trump che ora Joe Biden sembravano accogliere con favore l’aiuto turco soprattutto quando danneggiava gli interessi russi. Così, nel 2019, quando la Turchia ha prestato materiale e sostegno militare al governo di Tripoli sostenuto da Washington nella loro guerra con le forze del generale Haftar appoggiate dalla Russia, ha evitato il crollo del regime corrotto di Tripoli, con l’approvazione della NATO. Indirettamente, Erdogan è andato contro Putin e la Russia.

Allo stesso modo, nel settembre 2020, durante lo scoppio della “guerra armeno-azerbaigiana”, la Turchia ha fornito droni critici e consiglieri militari al loro alleato musulmano Azerbaigian contro l’Armenia, membro dell’Unione economica eurasiatica della Russia. È stato un altro colpo indiretto della Turchia contro gli interessi strategici russi, questo, molto vicino a casa.

Nell’ottobre 2020, dopo i significativi progressi militari azeri nel Nagorno-Karabakh, Erdogan ha lodato la “grande operazione dell’Azerbaigian sia per difendere i propri territori che per liberare il Karabakh occupato”, aggiungendo che la Turchia sta e continuerà a stare con “l’amichevole e fraterno Azerbaigian con tutti i nostri mezzi e tutto il nostro cuore”. Putin, secondo quanto riferito, non si è divertito.

Le relazioni tra Turchia e Armenia sono ostili e risalgono alla prima guerra mondiale, quando la Turchia ottomana fu accusata di aver sterminato più di 1,5 milioni di armeni in una pulizia etnica. La Turchia fino ad oggi rifiuta con veemenza di accettare la responsabilità del genocidio contro gli armeni che dopo il 1920 sono diventati parte dell’Unione Sovietica fino alla sua dissoluzione nel 1991.

Ora, il 10 aprile, mentre la Casa Bianca di Biden intensificava la pressione sull’Ucraina per agire militarmente per riconquistare la regione secessionista del Donbass e la Crimea, che oggi fa parte della Russia, Erdogan ha invitato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in Turchia per colloqui sulla cooperazione militare. A Istanbul, dopo i colloqui, Erdogan ha annunciato che i due presidenti avevano firmato un accordo strategico in 20 punti che includeva il sostegno turco alle richieste dell’Ucraina di restituire il Donbass a Kiev e la Crimea, la base della flotta navale russa del Mar Nero. Dopo il colpo di stato in Ucraina sostenuto dalla CIA nel marzo 2014, la Crimea ha tenuto un referendum in cui i cittadini hanno votato in modo schiacciante per unirsi alla Russia, qualcosa di cui la NATO non era felice, per usare un eufemismo. Inoltre, Erdogan ha annunciato il 10 aprile che la Turchia ha sostenuto il tentativo dell’Ucraina di entrare nella NATO, una questione esplosiva in quanto sarebbe una minaccia strategica diretta per Mosca.

Già nel gennaio 2020 la Turchia e l’Ucraina hanno firmato importanti accordi commerciali militari, tra cui un accordo che l’Ucraina fornisce alla Turchia 600 milioni di dollari di motori per missili da crociera. L’Ucraina fornisce anche all’esercito turco i motori per i suoi droni che eludono le sanzioni degli Stati Uniti sulla Turchia per gli S-400. Più recentemente, la Turchia ha rivenduto i suoi droni da combattimento Bayraktar TB2 all’esercito ucraino, che prevede di usarli contro i combattenti del Donbass. In breve, Erdogan ha fatto molte cose per sostenere le azioni degli Stati Uniti contro la Russia negli ultimi mesi.

Mistero del genocidio?

Questo rende ancora più curioso il fatto che il presidente degli Stati Uniti Biden il 25 aprile sia diventato il primo presidente americano ad andare contro la Turchia, alleata della NATO, accusandola di genocidio contro gli armeni nel 1915. Da quando la Turchia è entrata nella NATO, l’argomento del genocidio armeno è un tabù, come Ankara ha ripetutamente chiarito. Perché, proprio quando Erdogan sta giocando un ruolo chiave di supporto nell’agenda anti-Russia dell’amministrazione statunitense, Biden o i suoi consiglieri hanno trovato necessario uscire accusando la Turchia ottomana di un genocidio contro gli armeni avvenuto 106 anni fa?

Dato il riemergere della crisi della lira da quando Erdogan ha licenziato il capo della Banca centrale il mese scorso, sostituendolo con un alleato di partito, la Turchia è diventata vulnerabile ancora più che nel 2018. A questo punto sembra che Washington abbia gettato l’astuto Erdogan in una trappola per orsi. Se il suo nuovo capo della Banca Centrale si muove ora per tagliare i tassi di interesse per spronare l’economia in mezzo alla crisi della Lira, decine di miliardi di fondi di investimento occidentali potrebbero uscire dalla Turchia e far precipitare l’economia nella sua peggiore crisi dal 2018, probabilmente anche peggio, prima delle elezioni nazionali del 2023. Per anni le aziende turche si sono rivolte ai mercati del debito in dollari, dove i tassi di interesse erano molto più bassi di quelli turchi. La caduta della lira rende molto più costoso il rimborso in dollari, soprattutto perché l’economia è colpita dalla crisi della corona e il turismo è stato nuovamente bloccato da Mosca fino a giugno, adducendo un rischio covo ma chiaramente legato alle recenti mosse di Erdogan in Ucraina.

Erdogan ha perso poco tempo a reagire all’affronto. Le proteste turche sono iniziate fuori dalla strategica base aerea NATO di Incirlik, chiedendo alle truppe americane di andarsene.

Il 24 aprile, un giorno dopo che Washington ha notificato a Erdogan la sua prevista dichiarazione sul genocidio armeno, Erdogan ha lanciato azioni militari in Iraq e Siria. L’esercito turco ha annunciato la ripresa dell’operazione Claw-Lightning, volta a “porre completamente fine” alla minaccia del terrore al confine meridionale della Turchia con la Siria. Si tratta di attacchi aerei contro le posizioni delle forze curde del PKK che gli Stati Uniti appoggiano contro Damasco. La Turchia sostiene che i curdi del PKK sono terroristi che minacciano la Turchia. Allo stesso tempo, le forze turche hanno fortificato la loro posizione stabilita nella Grande Idlib, dove ora ci sono migliaia di truppe e armi pesanti, tra cui carri armati, veicoli da combattimento di fanteria, artiglieria, lanciarazzi, sistemi di sorveglianza, disturbatori e sistemi di difesa aerea. Dal 2018, la presenza turca a Idlib era presumibilmente per monitorare congiuntamente con la Russia una reciproca de-escalation sul territorio siriano.

Ricucire lo strappo con gli arabi

Più sorprendente è la rapidità con cui Erdogan si è mosso per ricucire i rapporti con i suoi vicini arabi. Il 26 aprile, il portavoce di Erdogan, Ibrahim Kalin, ha detto che la Turchia stava cercando di rettificare le relazioni con l’Arabia Saudita, dove il commercio bilaterale è sceso di un enorme 98% dopo un boicottaggio ufficiale saudita delle merci turche nel 2020 su ciò che i sauditi hanno definito atti ostili della Turchia, un riferimento alle accuse provocatorie e molto pubbliche di Erdogan che i sauditi hanno brutalmente assassinato il giornalista saudita Jamal Khashoggi a Istanbul nell’ottobre 2018, così come il sostegno turco al Qatar in mezzo a un boicottaggio saudita. Prima del 2013 Riyadh era stato un importante sostenitore finanziario di Erdogan che allora era un attore chiave nella guerra contro Assad in Siria. Il nuovo regime di Washington finora è stato piuttosto freddo nei confronti dell’Arabia Saudita, un grande cambiamento rispetto ai tempi di Trump.

Allo stesso tempo Ankara sta cercando di ricostruire i legami con il presidente egiziano al-Sisi che sono stati tesi da quando i militari egiziani hanno spodestato Morsi e sostenuto al-Sisi in un contro-colpo di stato del 2013 alla primavera araba sostenuta dagli Stati Uniti dei Fratelli Musulmani. Se Erdogan riuscisse a riconquistare il sostegno degli stati arabi del Golfo, compresa l’Arabia Saudita, il sostegno militare turco al Golfo potrebbe modificare la geopolitica mediorientale a svantaggio di Washington. Negli ultimi due anni, la Turchia è emersa come una grande forza militare a sorpresa attraverso il dispiegamento dei suoi droni Bayraktar TB2, collaudati in battaglia, di proprietà della famiglia del genero del presidente Recep Tayyip Erdogan, Selcuk Bayraktar. Sono stati decisivi in Libia, nel Nagorno-Karabakh e in Siria.

Ciò che viene dopo nel turbolento governo di Recep Tayyip Erdogan è più incerto che mai nella sua quasi ventennale presa del potere, prima come primo ministro e ora come presidente. Con le elezioni nazionali previste per il 2023, se l’economia continua a crollare, tutte le scommesse sono annullate. La dichiarazione di “genocidio” di Biden suggerisce che Washington potrebbe cercare di spingerlo oltre il limite ben prima del 2023. Tuttavia, il risultato è tutt’altro che chiaro in questo frangente, e dipende molto dalla capacità di Erdogan di forzare nuove alleanze efficaci.

F. William Engdahl – https://journal-neo.org/2021/04/29/has-washington-lured-erdogan-into-a-bear-trap/